Energia

Energia

Il cheap oil colpisce i giganti,
giù Petrochina e Sinopec

Il cheap oil colpisce i giganti, <br />giù Petrochina e Sinopec


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest



Pechino, 30 ott. - Crollano gli utili nel terzo trimestre 2015 dei giganti cinesi del greggio, che lanciano l'allarme sulle conseguenze del cheap oil, il perdurante deprezzamento del greggio sui mercati. Nei primi nove mesi del 2015, gli utili di PetroChina, il maggiore gruppo del greggio cinese, hanno registrato un calo del 68,1% su base annua da gennaio a settembre scorso, a 30,6 miliardi di yuan (4,8 miliardi di dollari), e un crollo ancora più drammatico se si considera solo il periodo compreso tra luglio e settembre, quando il calo è stato dell'81,4%, a 5,2 miliardi di yuan (818,2 milioni di dollari) contro i 27,9 miliardi di yuan (4,4 miliardi di dollari, al cambio attuale) dello stesso periodo dello scorso anno.

Non è andata meglio a Sinopec, il gigante del petrolchimico cinese e il maggiore gruppo della raffinazione in Asia, che nei primi nove mesi dell'anno ha segnato un calo dell'utile netto del 47,8% rispetto allo stesso periodo del 2014, a 27 miliardi di yuan (4,25 miliardi di dollari) contro i 51,8 miliardi di yuan raggiunti tra gennaio e settembre 2014. Se si contano, però, soltanto i mesi compresi tra luglio e settembre, il calo è del 91,5% su base annua, a 1,64 miliardi di yuan (meno di 260 milioni di dollari). "Se i prezzi del greggio nel quarto trimestre continueranno a rimanere bassi - si legge nel rapporto di PetroChina che accompagna i dati trimestrali - si attende un prezzo per il greggio del gruppo in significativo calo e un calo sostanziale degli utili annuali".

Non molto più rosea la situazione per Cnooc, China National Offshore Oil Corporation, la più piccola delle tre National Oil Companies cinesi: nel terzo trimestre, il gigante del greggio offshore cinese ha registrato un declino dei ricavi del 32,3% su base annua, a 36,2 miliardi di yuan (5,8 miliardi di dollari) nonostante un dato della produzione in attivo, equivalente a 127,5 milioni di barili di greggio, il 23,8% in più dello stesso periodo del 2014. Oltre al cheap oil, a incidere sui deludenti dati di bilancio dei tre gruppi dell'energia c'è anche la debole domanda interna. Per correre ai ripari, Sinopec prevede di tagliare del 5% le attività delle proprie raffinerie rispetto ai livelli della prima metà dell'anno. Buone notizie per PetroChina arrivano, invece, dal settore della distribuzione di gas, che tra luglio e settembre scorso ha registrato un balzo del 174,9% su base annua a 25,4 miliardi di yuan (quattro miliardi di dollari).

 

30 OTTOBRE 2015

 

ALTRI ARTICOLI


CHIUSO IL PLENUM, FINE POLITICA FIGLIO UNICO

 

MERKEL A PECHINO DIFENDE INTERESSI TEDESCHI

 

FIUMICINO PRIMO SCALO EUROPEO PER CITTA' CINESI RAGGIUNTE

 

ISOLE CONTESE, MEDIA CINESI CONTRO GLI USA
"Provocazioni gravi", prepararsi al peggio
 

 

IL PLENUM DELLA NUOVA NORMALITA', CRESCITA "INTORNO AL 6 VIRGOLA"

 

CINEMA EUROPEO DI SCENA ALL'ISTITUTO ITALIANO

 

AMBASCIATORE LI RUIYU, NUOVO CORSO RELAZIONI ITALIA-CINA


ISOLE CONTESE: PECHINO CONVOCA AMBASCIATORE USA

 

AL VIA V PLENUM PCC, DECIDERA' LINEE GUIDA FINO AL 2020

 

CINA, PRIORITA' A TRASMISSIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

 

HK: TRAGHETTO IN COLLISIONE, 124 I FERITI, 87 I DISPERSI

 

PECHINO FA RICHIESTA FORMALE PER ENTRARE NELLA EBRD

 

XI A MANCHESTER, IL NORD A CACCIA DI ACCORDI

ITALIA-CINA, 45 ANNI DI RELAZIONI,UN PONTE EUROPA-ASIA


BANCA CENTRALE TAGLIA TETTO E TASSI RISERVE BANCA


LONDRA APPOGGIA PATTO DI LIBERO SCAMBIO CINA-UE


BCE: DRAGHI, ESPOSIZIONE UE VERSO CINA NON E' SIGNIFICATIVA

 

XI A LONDRA, NUCLEARE IN AGENDA

 

ALIBABA APRE UFFICIO A MILANO, CIPRIANI FORESIO ALLA GUIDA

 

@ Riproduzione riservata

 

 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci