Economia

Economia

SONDAGGIO PBOC: MANOVRE ESPANSIVE A INIZIO 2013

SONDAGGIO PBOC: MANOVRE ESPANSIVE A INIZIO 2013 <br />


di Antonio Talia
Twitter@AntonioTalia


Pechino, 18 dic.- La Banca centrale cinese pubblica il consueto sondaggio trimestrale sulle aspettative economiche, e vede crescere il numero di chi prevede  politiche espansive già a partire dal periodo gennaio-marzo 2013.

Tra gli interpellati, tutti operatori finanziari di banche commerciali, circa il 19,8% si attende nuove manovre nel primo trimestre dell'anno che sta per arrivare, un netto aumento rispetto al 5,9% della precedente edizione del sondaggio. L'indagine segnala anche un aumento delle aspettative sulla crescita dell'inflazione e una particolare preoccupazione in merito all'aumento dei prezzi delle abitazioni, vere bestie nere del governo di Pechino nel 2010 e in parte del 2011. Circa il 29% degli intervistati ritiene che i prezzi delle case registreranno nuovi rincari nel primo trimestre del 2013, mentre già il mese di novembre si è segnalato come il quarto mese di aumenti, dopo una campagna lunga due anni per contrastare il caro-mattone.

Il sondaggio della Banca centrale di Pechino mostra anche un aumento nella fiducia delle imprese, che si situa al 60,4%, con un aumento dell'1,2%rispetto all'edizione precedente. Tuttavia, le debolezze che contraddistinguono le economie straniere in questo periodo, continuano a preoccupare la Cina: sempre martedì, il ministero del Commercio ha pubblicato alcuni dati che rivelano come nel mese di novembre gli investimenti diretti esteri abbiano continuato a calare, in quella che è la peggiore sequenza negativa degli ultimi tre anni. "Il prossimo anno sembra ancora caratterizzato dall'incertezza e sembra che la prospettiva di una crescita lenta a livello globale sia destinato a durare per un po'" ha detto il portavoce del ministero Shen Danyang.

Come riporta la Reuters, Shen ha anche lamentato "un aumento del protezionismo a livello mondiale", che spinge la Cina a previsioni "non ottimistiche per gli scambi internazionali nel 2013".

Al momento, il Dragone sembra sul punto di concludere il 2012 con il livello di crescita più basso dal 1999: anche se un'indagine Reuters indica che la Cina chiuderà l'anno con una crescita del 7,7%, si tratta pur sempre di una notevole botta d'arresto rispetto ai numeri a due cifre registrati per la maggior parte degli ultimi 30 anni.

L'imperativo del governo, ancora una volta, come indicato anche nel Piano Quinquennale in corso, consiste in una crescita della domanda interna, necessaria a rendere Pechino sempre più indipendente dalle esportazioni e dagli investimenti diretti esteri. Negli ultimi mesi la Banca centrale ha tagliato ben due volte i tassi d'interesse (a giugno e luglio) e dalla fine del 2011 ha ridotto i tassi di riserva obbligatoria di 150 punti base.



 

ARTICOLI PRECEDENTI


Fondo sovrano: "situazione Europa non ottimistica"

 

Abe nuovo premier di Tokyo, timore di Pechino per Diaoyu

 

Hsbc: manifatturiero in ripresa a dicembre


Accoglienza fredda per lancio iPhone5 in Cina

 

Iphone5 il 12 settembre, studenti alla catena di montaggio


Manifatturiero in ripresa a dicembre

 

Wwf, ambiente: la Cina è a un bivio


Dal 2016 Hong Kong primo centro finanziario

 

Cina invade spazio aereo, caccia di Tokyo in volo


Sec contro la Cina: indagine su società cinesi quotate negli Usa


'Fusioni inverse' società cinesi, Sec accusa consulente di frode

 

Pyongyang lancia missile, Cina rammaricata

 

Rapporto Wipo: Cina prima per numero brevetti

 

Think tank: nel 2013 export su dell'8%  

 

Intelligence Usa: Cina supererà Stati Uniti nel 2030  

 

Xi Jinping: le riforme non possono aspettare   

 

Attivisti nudi in strada contro il Nobel a Mo Yan

 

ARTICOLI CORRELATI

 

Export ancora debole, produzione industriale su


Il mutamento cinese e le conseguenze per gli Usa - di Geminello Alvi

 

Hsbc: a novembre torna a crescere manifatturiero

 

Profitti industriali in crescita a ottobre

 

Fmi: "Cina troppo dipendente da investimenti"

 

Voci di nuovo piano riforme entro fine 2013

 


© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci