Economia

Economia

SALE AL 2,7% L'INFLAZIONE A GIUGNO

SALE AL 2,7% L INFLAZIONE A GIUGNO


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 9 lug. - Sale al 2,7% l'inflazione in Cina nel mese di giugno, in aumento rispetto al 2,1% di maggio scorso. Il dato, reso noto oggi dall'Ufficio Nazionale di Statistica cinese è superiore alle aspettative di mercato, anche se inferiore al limite fissato dal governo, che si è prefissato di contenerla al 3,5% su base annua. A incidere sul dato finale sono soprattutto i generi alimentari, che il mese scorso sono cresciuti del 4,9% su base annua, in netto aumento rispetto al 3,2% di maggio 2013. I prezzi alla produzione hanno subito un calo a giugno del 2,7%, in aumento per il sedicesimo mese consecutivo, dato di poco inferiore a quello di maggio, in cui il calo era al 2,9%. La carne di maiale, alimento molto consumato in Cina, ha registrato un aumento dell'1,1% su base annua contro una caduta del 4,9% a maggio scorso.

 

Lo scorso mese di giugno era stato segnato da una stretta creditizia che aveva portato i prestiti interbancari a breve termine vicini al 30% il 20 giugno scorso. Il 24 giugno, la Borsa di Shanghai ha segnato un calo del 5,3%, la perdita più consistente in un solo giorno di contrattazioni dall'agosto 2009, facendo temere alcuni analisti per un effetto simile a quello che ha causato la crisi finanziaria globale del 2008. Le banche nel mese di giugno avrebbero prestato, secondo una prima previsione circa 800 miliardi di yuan, in aumento rispetto ali 667 miliardi di maggio.

 

I dati dell'economia cinese, dopo sette mesi di espansione, sono tornati contrastanti: per il secondo mese consecutivo, a giugno il calcolo del Purchasing Managers' Index effettuato da HSBC -che determina l'attività del settore manifatturiero- è risultato sotto quota 50, mostrando segnali di contrazione, a 48,2, in calo anche rispetto al dato di maggio, a 49,2. Anche il dato della crescita per il secondo trimestre dovrebbero essere in calo, secondo gli economisti che prevedono un +7,5%, inferiore al risultato dei primi tre mesi dell'anno, quando la crescita era la 7,7%.

 

ALTRI ARTICOLI

 

Cina e Svizzera, siglano accordo libero scambio

 

Inizia l'era della Likonomics

 

Shanghai, al via zona libero scambio

 

ESPANSIONE SERVIZI, DATI CONTRASTANTI A GIUGNO
Li Keqiang alla CCTV rassicura su tenuta economia

 

PRODUZIONE MANIFATTURIERA RALLENTA A GIUGNO
Pmi ai minimi da nove mesi

 

GOVERNATORE PBOC RASSICURA DOPO CASH CRUNCH
"Useremo strumenti necessari per mantenere stabilità mercati"

 

Mercati:evitato credit crunch ma resta fragilità

 

Banca centrale tranquillizza i mercati

 

Banca centrale si impegna ad aiutare istituti di credito

 

PBoC, rialzo tassi interbancari è stagionale
Ansia dopo nuovo tonfo Borsa Shanghai

 

Nuovo tonfo Borsa Shanghai, voci conferenza stampa Banca centrale

 

Timori di credit crunch, ma Banca centrale rassicura

 

Bank of China smentisce nuove voci di default

 

Proiezione Pmi ai minimi da nove mesi, a 48,3

 

 

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci