Economia

Economia

Pechino punta ad abbassare
tasso di crescita al 7%

Pechino punta ad abbassare<br />tasso di crescita al 7%


di Sonia Montrella


Twitter@SoniaMontrella

 

Roma, 28 gen.- Pechino fissa il suo obiettivo di crescita per il 2015 al 7%, il target più basso degli ultimi undici anni. Lo rivela un'esclusiva della Reuters, secondo cui la misura verrà annunciata ufficialmente dal premier Li Keqiang a marzo, in occasione dell'Assemblea Nazionale del Popolo, una sorta di Parlamento cinese che riunisce più di tremila delegati provenienti da ogni angolo della Cina.

ll nuovo obiettivo di crescita ha incontrato il favore di top leader del Partito e legislatori durante la Conferenza economica centrale: incontro a porte chiuse che si è tenuto a dicembre.

La cifra è in linea con le aspettative del mercato, ma è la prima volta che arriva da una fonte vicina al governo cinese. "Quest'anno l'economia crecerà intorno al 7%. Il governo deve bilanciare la crescita, l'occupazione e le riforme strutturali" ha spiegato alla Reuters un influente economista e consigliere dell'esecutivo che vuole restare anonimo.

Sebbene l'obiettivo sia stato concordato a dicembre, sottolinea l'agenzia, c'è ancora margine di aggiustamento prima che venga presentato all'ANP.

Già il governatore della Banca centrale Zhou Xiaochuan aveva riconosciuto di recente la necessità di abbassare il tasso di crescita per il 2015, aggiungendo che sarebbe stato oggetto di confronto dell'ANP a marzo. Il rallentamento riflette l'intenzione del governo di indirizzare l'economia su un binario più stabile, ma allo stesso tempo il rischio è quello di perdere posti di lavori, oltre a un default del debito.

Lo scorso 20 febbraio l'Ufficio Nazionale di Statistica ha fatto sapere che nel 2014 la Cina è cresciuta del 7,4% -  63650 miliardi di yuan (8850 miliardi di euro) - ai livelli più bassi dal 1990. Al di sotto del 7,5%, dunque, fissato dal governo. Nel 2012 e nel 2013, la crescita nazionale era stata del 7,7%.

Nello stesso giorno, il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le prospettive di crescita della Cina nell'ultima edizione del suo World Economic Outlook: per il 2015, la stima, ora, è di una crescita al 6,8%, rispetto al 7,1% dell'ottobre scorso.

 

28 gennaio 2015

 

ALTRI ARTICOLI

 

LI: POLITICA MONETARIA STABILE PIU' DIFFICILE DOPO QE BCE

 

TYCOON CITA GOVERNO LOCALE PER MANCATO PAGAMENTO

 

APPLE RADDOPPIA IN CINA MA PRIMATO RESTA IN USA

 

CENA A BASE DI SALAMANDRA, BOTTE POLIZIA A REPORTER

 

USA-INDIA: I DUBBI DELLA CINA SUI LEGAMI TRA OBAMA E MODI

 

SHANGHAI RIMUOVE OBIETTIVO DI CRESCITA PER IL 2015

 

E-COMMERCE AL +55,6%, VALE  331 MILIARDI DI YUAN NEL 2014

 

MOTOROLA: LENOVO RILANCIA BRAND IN CINA

 

LI KA-SHING VIA DALLA CINA,  ORA GUARDA ALL'EUROPA 

 

BCE: CINA FA SAPERE CHE QE FAVORIRA' AUMENTO EXPORT

 

DA JIA JIANGKE UN FILM CONTRO L'INQUINAMENTO

 

XINJIANG: ARRESTI RADDOPPIANO NEL 2014 OLTRE 27MILA


DAVOS, LI: «NUOVA NORMALITA’» LOCOMOTIVA CINA NON PERDERA' SLANCIO

 

DAVOS: CINA-SVIZZERA, ACCORDO
PER INTERNAZIONALIZZAZIONE YUAN

 

DA JIA JIANGKE UN FILM CONTRO L'INQUINAMENTO

 

SPOPOLA APP PER MATRIMONI DI FACCIATA (GAY)

 

POPOLAZIONE INVECCHIA, SEMPRE
PIU' CONCENTRATA NELLE CITTA'

 

DAVOS, LI KEQIANG: "NUOVA NORMALITA'", LOCOMOTIVA CINA NON PERDERA' SLANCIO


SHANGHAI: CINQUE INDDAGATI PER INCIDENTE DI CAPODANNO


SI STRINGE FORBICE TRA RICCHI E POVERI, GINI A 4,069

 

WANDA INVESTE 45 MILIONI DI EURO NELL'ATLETICO MADRID

 

CRESCITA AL 7,4% NEL 2014, AI MINIMI DAL 1990Borse asiatiche: Hong Kong e Shanghai in rialzo

 

AUMENTO STIPENDIO PER XI: 19MILA EURO L'ANNO

 

 

@ Riproduzione riservata

 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci