Economia

Economia

Le incognite della Fed
sull'economia di Pechino

Le incognite della Fed<br />sull economia di Pechino


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 16 set. - Sul futuro a breve dell'economia cinese incide in queste ore anche l'incognita della decisione di domani della Federal Reserve sull'aumento o meno dei tassi di interesse. Negli scorsi giorni, le piazze asiatiche (con l'esclusione di quelle cinesi, che hanno iniziato la settimana in ribasso prima della ripresa di oggi) si sono mosse con cautela in attesa dell'annuncio di Janet Yellen, che potrebbe segnare il primo rialzo dei tassi di interesse operato dalla più importante banca centrale del pianeta negli ultimi nove anni. Il possibile aumento del costo del denaro sta facendo da settimane discutere gli investitori mondiali, molti dei quali oggi convinti che non si assisterà, domani, a nessun aumento dei tassi di interesse.

L'attesa della decisione arriva dopo le incertezze sui mercati di agosto scorso, condizionati dalla svalutazione dello yuan e dai crolli di Shanghai, culminati nel "lunedì nero" del 24 agosto scorso, quando l'indice Composite aveva perso in una sola seduta l'8,49%. La svalutazione operata dalla banca centrale cinese aveva fatto riflettere molti sullo stato di salute dell'economia, che potrebbe non essere roseo come le parole del primo ministro Li Keqiang al Forum Economico di Dalian hanno fatto credere nei giorni scorsi. Una frenata più dura del previsto della locomotiva cinese rallenterebbe di conseguenza anche l'economia mondiale e secondo alcuni un aumento dei tassi da parte della Federal Reserve contribuirebbe ad accentuare il rallentamento globale.

Tra le conseguenze per la Cina di un aumento dello 0,25% dei tassi di interesse, la mossa giudicata in queste ore più probabile, c'è la possibilità di una pressione verso una nuova svalutazione dello yuan. I timori sono in qualche modo attutiti dalle ultime mosse della banca centrale cinese: Pechino ha mostrato di non temere di utilizzare le proprie immense riserve valutarie per sostenere la propria valuta, svalutata a sorpresa il mese scorso, quando tra gli analisti si erano diffusi i timori per una ripresa delle "guerre valutarie". Nelle ultime ore, i giudizi degli economisti sono, invece, improntati alla cautela. "L'aumento in sé non avrà un grande impatto sull'economia cinese - ha spiegato ai microfoni dell'agenzia Bloomberg Shen Jianguang, capo economista di Mizuho Securities - Per la Cina è l'economia interna la questione principale". Nonostante le pressioni sulla moneta derivanti da un aumento dei tassi, secondo Wang Tao di Ubs, il tasso di cambio sul dollaro non dovrebbe risentire eccessivamente della mossa della Fed. "Credo che la Cina sia in grado di mantenere lo yuan a quota 6,5 per quest'anno o anche a un tasso di riferimento più alto", spiega l'analista.

Se le conseguenze in termini di politica monetaria potrebbero essere contenute, l'aumento dei tassi di interesse non sarebbe però gradito a Pechino che leggerebbe la decisione come un segnale di raffreddamento dell'economia statunitense. "C'è un raffreddamento dell'economia statunitense, che adesso è quella che traina di più, se non altro per il valore assoluto del pil - commenta in un'intervista ad Agichina e Radio Radicale Romeo Orlandi, vice presidente di Osservatorio Asia e docente di Economia dell'Asia orientale presso l'Università di Bologna - Se ci sarà questo aumento dello 0,25%, come pare, di certo sarà un segnale. Forse l'effetto è stato già disinnescato: i mercati se lo attendevano e quindi si sono già regolati di conseguenza. E' come se fosse già avvenuto e questo potrebbe indurre la Fed a non metterlo in atto, secondo le ultime valutazioni degli analisti. E' evidente - conclude il professore - che la Cina non guarderebbe con piacere a un rallentamento dell'economia statunitense dovuta ad un aumento del costo del denaro".

 

16 settembre 2015

 

ALTRI ARTICOLI

 

XI JINPING IN VISITA NEGLI USA A FINE MESE

 

TAIWAN SIMULA ATTACCO PECHINO DURANTE ESERCITAZIONI NAVALI

 

ENTRO IL 2020 NUOVO ELICOTTERO STELATH DI QUARTA GENERAZIONE

 

PREMIER LI: NO A QUANTITAVE EASING

 

INFLAZIONE SALE AL 2% AD AGOSTO

 

PECHINO: AL VIA VERIFICA SU OSTAGGIO CINESE

 

CINA APRE MERCATO FOREX A BANCHE CENTRALI STANIERE


PREMIER LI: RISCHI DELL'ECONOMIA SOTTO CONTROLLO

 

INFRASTRUTTURE E RIFORME DEL FISCO PER CRESCERE

 

NUOVO METODO CALCOLO PIL PIU' SENSIBILE A FLUTTUAZIONI

 

BORSE DI NUOVO IN RIALZO, SHANGHAI +2,92%

 

AD AGOSTO EXPORT A  -6,1%, IMPORT -14,3%, SURPLUS +20,1%

 

INTERRUTTORE DI INDICI, L'ARMA CONTRO TURBOLENZE MERCATI   

 

G20, RASSICURAZIONI SULLA TENUTA DELL'ECONOMIA, BORSE ANCORA GIU' DOPO  LA RIAPERTURA

 

CINA: PANCHEM LAMA "STA BENE E CONDUCE VITA NORMALE"

 

AL VIA SCUOLA ITALIANA D'AMBASCIATA, PRIMA IN ASIA

 RIVISTO PIL AL RIBASSO: DAL +7,4% AL +7,3% NEL 2014
 


ESERCITO TRA RIFORMA E TAGLI

 

PREMIER LI A DALIAN PER FORUM ECONOMICO 9 E 10 SETTEMBRE

 

EX VICE PRESIDENTE ALLA PARATA, SCOPPIA LA POLEMICA A TAIWAN

 

LA GRANDE PARATA: SETTANTA ANNI DALLA VITTORIA SUL GIAPPONE XI PROMETTE SVILUPPO PACIFICO

 

NUOVE ARMI PER PECHINO, MA TAGLIATI 300MILA SOLDATI

 

TURISMO: MSC LIRICA SBARCA A SHANGHAI

 

FMI: RALLENTAMENTO CINA, IMPATTO PIU' AMPIO DEL PREVISTO

 


GENTILONI A PECHINO «PRESENZA A PARATA SEGNALE ATTENZIONE»

 

GENTILONI: SVALUTAZIONE YUAN NON CAMBIA RISCHI PER L'ITALIA

 

GIORNALISTA FA 'MEA CULPA' IN TV, TONFO BORSE "COLPA SUA"

 

BORSE VOLATILI DOPO APERTURA NEGATIVA


MANIFATTURIERO AI MINIMI DA 6 ANNI, MERCATI IN RIBASSO

 

ESPLODE IMPIANTO CHIMICO A DONGYING, 1 MORTO


BLOCCO VPN, AUMENTA LA CENSURA IN VISTA DELLA PARATA

 

VERSO LA PARATA DEL 3 SETTEMBRE, GENTILONI PER L'ITALIA


WO-LAP LAM: IL MIRACOLO CINESE E' FINITO

 

LA CINA FA PAURA, LUNEDI' NERO PER I MERCATI

 

NUOVO CROLLO PER LE BORSE, SHANGHAI -6,15%
Pesano timori per deprezzamento yuan
 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci