Economia

Economia

CINA PRIMA DESTINAZIONE PER INVESTIMENTI 2015
Supera Stati Uniti per la prima volta dal 2003

CINA PRIMA DESTINAZIONE PER INVESTIMENTI 2015<br />Supera Stati Uniti per la prima volta dal 2003


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest



Pechino, 30 gen. - La Cina ha superato per la prima volta dal 2003 gli Stati Uniti come prima destinazione per gli investimenti diretti esteri, lo scorso anno. Nel 2014, le imprese straniere hanno investito in Cina l'equivalente di 128 miliardi di dollari - con u rialzo del 3% su base annua - contro i soli 86 miliardi di dollari di investimenti negli Usa, finiti al terzo posto, dietro Hong Kong, a quota 111 miliardi di dollari. Lo rivelano i dati della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (Unctad). In quarta e quinta posizione, nella classifica dei Paesi che hanno attratto il maggiore volume di investimenti esteri ci sono altre due economie emergenti: Singapore (a quota 81 miliardi di dollari) e Brasile (62 miliardi)

Il primo Paese europeo nella classifica dell'Unctad per attrazione di investimenti esteri è la Gran Bretagna, al sesto posto con 61 miliardi di dollari, seguito al nono dai Paesi Bassi, a quota 42 miliardi. Gli investimenti diretti esteri in Unione Europea hanno segnato nel 2014 un aumento annuo del 13% a quota 267 miliardi di dollari. Dal rapporto emerge anche che gli investimenti diretti alle economie emergenti sono calati del 14% lo scorso anno rispetto al 2013, a 511 miliardi di dollari, a causa soprattutto di operazioni di recupero delle quote investite in progetti all'estero o in joint-venture in Paesi terzi da parte degli Stati Uniti. Gli Usa hanno segnato complessivamente un calo del 63% su base annua negli Fdi, anche se la ripresa economica del gigante a stelle e strisce, confermata anche dalle ultime statistiche del Fondo Monetario Internazionale, dovrebbe contribuire alla ripresa degli investimenti nei prossimi mesi.

In totale, gli investimenti diretti esteri sono calati dell'8% a livello globale, a 1260 miliardi di dollari, il secondo livello più basso dall'inizio della crisi finanziaria globale del 2008. Per favorire l'attività delle piccole e medie imprese, sia in patria che sui mercati globali, il governo cinese aveva dato il via dall'anno scorso a interventi mirati in economia. Nelle scorse settimane, la banca centrale cinese, People's Bank of China, ha immesso nel sistema cinquanta miliardi di yuan da destinare alle piccole imprese cinesi colpite dal rallentamento dell'economia cinese che quest'anno dovrebbe crescere del 7%, anziché del 7,5% come da obiettivo degli scorsi tre anni, secondo le prime stime. Nel 2014, la crescita cinese è stata del 7,4% di poco sotto le aspettative del governo, ai ritmi più bassi dal 1990.

30 gennaio 2015

 

 

ALTRI ARTICOLI


STOP PRIVATIZZAZIONE PIREO: CINA "PREOCCUPATA"

 

COMMISSIONE ANNUNCIA INCHIESTA SU MARGIN TRADING  

 

TURISMOTORNA A RIMINI MATCHING CHINA

 

DAGONG EUROPE: ANDREA CINCINNATI CINI
NUOVO SENIOR CREDIT OFFICER

 

PECHINO PUNTA AD ABBASSARE TARGET CRESCITA AL 7%

 

DONNA DENUNCIA STERILIZZAZIONE FORZATA

 

LI: POLITICA MONETARIA STABILE PIU' DIFFICILE DOPO QE BCE

 

TYCOON CITA GOVERNO LOCALE PER MANCATO PAGAMENTO

 

APPLE RADDOPPIA IN CINA MA PRIMATO RESTA IN USA

 

CENA A BASE DI SALAMANDRA, BOTTE POLIZIA A REPORTER

 

USA-INDIA: I DUBBI DELLA CINA SUI LEGAMI TRA OBAMA E MODI

 

SHANGHAI RIMUOVE OBIETTIVO DI CRESCITA PER IL 2015

 

E-COMMERCE AL +55,6%, VALE 331 MILIARDI DI YUAN NEL 2014

 

MOTOROLA: LENOVO RILANCIA BRAND IN CINA

 

LI KA-SHING VIA DALLA CINA, ORA GUARDA ALL'EUROPA

 

BCE: CINA FA SAPERE CHE QE FAVORIRA' AUMENTO EXPORT

 

DA JIA JIANGKE UN FILM CONTRO L'INQUINAMENTO

 

XINJIANG: ARRESTI RADDOPPIANO NEL 2014 OLTRE 27MILA


DAVOS, LI: «NUOVA NORMALITA’» LOCOMOTIVA CINA NON PERDERA' SLANCIO

 

DAVOS: CINA-SVIZZERA, ACCORDO
PER INTERNAZIONALIZZAZIONE YUAN

 

DA JIA JIANGKE UN FILM CONTRO L'INQUINAMENTO

 

SPOPOLA APP PER MATRIMONI DI FACCIATA (GAY)

 

POPOLAZIONE INVECCHIA, SEMPRE
PIU' CONCENTRATA NELLE CITTA'

 

DAVOS, LI KEQIANG: "NUOVA NORMALITA'", LOCOMOTIVA CINA NON PERDERA' SLANCIO


SHANGHAI: CINQUE INDDAGATI PER INCIDENTE DI CAPODANNO


SI STRINGE FORBICE TRA RICCHI E POVERI, GINI A 4,069

 

WANDA INVESTE 45 MILIONI DI EURO NELL'ATLETICO MADRID

 

CRESCITA AL 7,4% NEL 2014, AI MINIMI DAL 1990Borse asiatiche: Hong Kong e Shanghai in rialzo

 

AUMENTO STIPENDIO PER XI: 19MILA EURO L'ANNO

 

 

@ Riproduzione riservata

 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci