Diritto

Diritto

Segretario di Hu Jintao rischia
esclusione Comitato centrale

Segretario di Hu Jintao rischia <br />esclusione Comitato centrale <br />


SPECIALE AGICHINA24  - CAMBIO AL VERTICE
a cura di Alessandra Spalletta e Antonio Talia



AgiChina24 seguirà lo svolgimento del Diciottesimo Congresso del Pcc a Pechino dall'8 al 14 novembre. L'atteso evento sancirà il passaggio di consegne dalla quarta alla quinta generazione di leader. Lo Speciale sarà aggiornato ogni giorno e sarà ricco di notizie, approfondimenti e interviste a cura delle redazioni di Roma e di Pechino. 

 

 

CINA 2012, L'ANNO DEGLI SCANDALI

di Eugenio Buzzetti

twitter@eastofnoeast


 

Congresso Pcc: Segretario Hu Jintao rischia esclusione comitato centrale 



Pechino, 13 nov. - Nel marzo scorso aveva perso il figlio in un incidente stradale avvolto nel mistero. Nei primi giorni di settembre, Ling Jihua, capo dell'Ufficio Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese e segretario personale del presidente Hu Jintao, era stato retrocesso a capo dello United Front Work Department, mega-corrente all'interno del Partito Comunista Cinese. Ora, Ling Jihua rischia di vedersi escluso dal Comitato Centrale del partito. Il tentativo di coprire l'incidente stradale fatale per suo figlio sta costando molto caro a uno degli uomini più fidati del presidente Hu Jintao.

 

Ling Jihua era considerato fino a pochi mesi fa uno degli astri nascenti della politica cinese, candidato a un ruolo di rilievo nella sesta generazione di leader, quella che prenderà le redini del potere dal 2022. Pur non essendo quindi in gara per un posto di vertice al termine del Congresso, che si chiuderà il 14 novembre prossimo, Ling era un leader destinato, fino a marzo scorso, ad avere un ruolo importante nel partito e nello Stato, e il Congresso del PCC che si tiene in queste ore avrebbe dovuto promuoverlo a membro del Politburo del partito. Una possibilità che sembra ora definitivamente compromessa.

 

La tragedia. Nel marzo scorso attraverso i siti di microblogging cinesi si era diffusa la notizia di un incidente stradale nel quartiere universitario di Wudaokou, nel versante nord-ovest della capitale. I censori di Pechino avevano subito eliminato ogni riferimento all'accaduto, e i media di Stato avevano fatto passare sotto silenzio la notizia, alimentando il sospetto tra i netizens che l'incidente nascondesse un risvolto scomodo per il potere. All'inizio erano circolate voci sulla possibilità che il giovane rimasto ucciso nell'impatto fosse figlio di Jia Qinglin, membro dell'attuale Comitato Permanente del Politburo, cuore decisionale del potere. La notizia è stata poi smentita, ma avevano cominciato ad affiorare i particolari sull'accaduto. Il giovane era alla guida di una Ferrari nera e avrebbe avuto a bordo due coetanee, con cui forse era impegnato in una peripezia sessuale mentre si trovava al volante. I rumors avevano scatenato l'indignazione dei microbloggers cinesi sullo stile di vita sopra le righe dei figli dei politici e sullo stipendio dei loro padri, che non avrebbe permesso l'acquisto di vetture simili. Dopo mesi di silenzio, il fatto è tornato a galla nei primi giorni di settembre, con la scoperta che il giovane alla guida, Ling Gu, era figlio del segretario personale di Hu Jintao, Ling Jihua, appunto.

 

Il 9% dei candidati a un seggio permanente nel prossimo Comitato Centrale dovrebbe venire scartato durante le primarie interne per la nomina dei nuovi membri. Secondo fonti interne al PCC sentite dal South China Morning Post di Hong Kong, Ling Jihua è candidato a rientrare nella percentuale degli esclusi da un posto come membro stabile del Cc. Anche qualora dovesse farcela, però, il futuro per lui non sarebbe roseo. In molti, tra avversari politici e alleati del deposto Bo Xilai, chiedono un trattamento non diverso da quello dell'ex leader di Chongqing, e il rischio per Ling sarebbe quella di finire sotto inchiesta, anche in caso di promozione.

 

Una situazione delicata per il presidente uscente. Hu Jintao si troverebbe di fronte a un bivio: scegliere di aiutare il suo protetto, pur sapendo che probabilmente non basterà a salvarlo dalle critiche e dalle indagini; o defilarsi, ponendo implicitamente fine alle ambizioni di uno dei suoi uomini più importanti e lasciando il potere con l'amara consapevolezza, dopo un decennio da presidente, di non essere stato in grado di aiutare il suo protetto e consegnando ai posteri l'immagine di un leader debole. Entro domani, quando ci sarà l'elezione dei nuovi membri del Comitato Centrale, i dubbi sul futuro dell'ex segretario di Hu Jintao dovrebbero avere fine. Anche se i giochi sembrano già fatti. Il processo di selezione dei nuovi membri avviene a porte chiuse e rimane segreto finchè non viene approvato dal Presidium, l'organo direttivo che gestisce la transizione del potere, le cui modalità di lavoro non vengono rese note.

 

CINA 2012, L'ANNO DEGLI SCANDALI

Legami con Bo Xilai, generale cade in disgrazia

Cina 2012, l'anno degli scandali

Fine dei giochi per Bo Xilai



TUTTO LO SPECIALE AGICHINA24 "CAMBIO AL VERTICE"

 


 

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci