Costume e società

Costume e società

Villaggio voleva espellerlo,
governo curerà bimbo con HIV

Villaggio voleva espellerlo, <br />governo curerà bimbo con HIV


di Sonia Montrella
Twitter@SoniaMontrella


Roma, 22 dic.- Anche Kunkun avrà il suo lieto fine: riceverà cure, assistenza e istruzione. Lo hanno deciso le autorità cinesi arrivate in soccorso del bambino di 8 anni sieropositivo contro il quale 203 dei 900 abitanti di Shufangya, nella provincia del Sichuan, avevano firmato la scorsa settimana una petizione per espellerlo dal villaggio per paura di un contagio. Il bambino è sotto la tutela dei nonni, da quando, 4 anni fa, la madre e poi il padre  adottivo – entrambi sieropositivi – lasciarono il villaggio in cerca di lavoro, sparendo però nel nulla. Ma per la coppia, povera e anziana, affidare Kunkun a qualcun altro sarebbe per lui la soluzione migliore.


La storia del bambino è rimbalzata nei giorni scorsi sui media cinesi, sollevando non poche polemiche. E attirando anche l'attenzione delle Nazioni Unite, che venerdì hanno espresso in un comunicato stampa profonda preoccupazione per il caso."La discriminazione e lo stigma sono i peggiori nemici della lotta all'HIV".


Ieri la promessa del ministero della Salute di provvedere alle spese mediche e cercare una sistemazione per il bambino. Diverse organizzazioni di beneficenza si sarebbero già fatte avanti per accoglierlo. Kunkun, che in passato ha avuto difficoltà a trovare una scuola che lo accettasse, riceverà inoltre un'istruzione dignitosa. Nel frattempo, fanno sapere ancora dal ministero della Salute, partirà una serie di controlli per scoprire altri casi di violazione delle politiche anti-discriminazione.


 La vita di Kunkun è cambiata radicalmente nel 2011: ricoverato per un problema agli occhi insieme al trattamento arrivò anche la diagnosi. "Gli altri bambini non giocano più con me" ha detto il bambino al Beijing Times.

 

Quasi mezzo milione di cinesi è oggi alle prese con il virus dell'Hiv/Aids con una stima che a ottobre era di 497mila contagiati e 154mila morti.

 

22 dicembre 2014

 

ALTRI ARTICOLI

 

IL RUOLO DELLA CINA NELLA CRISI DEL RUBLO

 

CINA RIVEDE PIL 2013 IN AUMENTO DEL 3.4%

 

OMOSESSUALITA' NON E' MALATTIA, DA PECHINO SENTENZA STORICA

 

WASHINGTON RIARMA TAIWAN, CINA PROTESTA FORMALMENTE

 

CINA SPERA IN FINE EMBARGO A CUBA DOPO RIPRESA RELAZIONI BILATERALI

 

ECFR: FUTURO RIFORME SI GIOCA SU RIVALITA' TRA GRUPPI

 

BIMBO CHIEDE A XI DI DIMAGRIRE, LETTERA CENSURATA

 

LI IN SERBIA, FONDO DA 3 MILIARDI PER INVESTIMENTI IN EUROPA DELL'EST

 

CORRUZIONE, 20 ANNI ALL'AMANTE DELL'EX MINISTRO FERROVIE

 

CINA, BAIDU INVESTIRA' IN UBER

 

TIBETANO SI IMMOLA PER PROTESTA CONTRO PECHINO, E' 134MO

 

SORPASSO CINA-USA, I TRANELLI DEL PIL CINESE

 

NE' MATRIMONI, NE' FUNERALI, DA PECHINO STRETTA SULL'INNO

 

PECHINO AMMETTE, NEL 1996 GIUSTIZIATO RAGAZZO INNOCENTE

 

DALAI LAMA, CAPISCO CHE IL PAPA NON MI ABBIA RICEVUTO

 

BANCHE CINESI PUNTANO A EUROPA, MPS FRA I TARGET


AL VIA NUOVE FZT A TIANJIN, NEL GUANGDONG E NEL FUJIAN

 

DALAI LAMA, CAPISCO CHE IL PAPA NON MI ABBIA RICEVUTO


LA NUOVA NORMALITA' DI XI JINPING


@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci