Costume e società

Costume e società

Alibaba come Amazon,
consegnerà via drone

Alibaba come Amazon, <br />consegnerà via drone


di Sonia Montrella
Twitter@SoniaMontrella



Roma, 5 feb.- Dopo Amazon, anche il colosso dell'e-commerce cinese, Alibaba, si converte alle spedizioni via drone.  E lo fa puntando per il momento sul prodotto cinese per eccellenza: il tè. Secondo quanto dichiarato ieri dal gruppo di Jack Ma, presto i consumatori cinesi di Pechino, Shanghai e Canton potranno ricevere direttamente a casa propria e in poche ore confezioni di tè allo zenzero acquistate su Taobao, piattaforma commerciale del gigante Alibaba. All'annuncio ha fatto seguito una foto che mostra il drone in bianco e argento, dotato di eliche simili a quelle di un elicottero, che trasporta un scatola.

Il servizio, tuttavia, 'decollerà' gradualmente: lo spazio aereo cinese è strettamente controllato e per lo più utilizzato per scopi militari. Il governo concede – dietro richiesta di permesso -  un limitato utilizzo di droni civili e nella maggior parte dei casi per scopi di salvataggio o monitoraggio. Le spedizioni – ha precisato Taobao – saranno gestite dal corriere YTO Express che ha ottenuto le licenze necessarie per poter operare nella fase di prova.

Il lancio di Alibaba arriva a una settimana dalla polemica tra il colosso e il governo di Pechino che ha accusato Taobao di vendere prodotti contraffatti e di essere poco accorto nella selezione della merce trattata.

Nato nel 1999 Alibaba Group è la casa madre di Alibaba.com; di Taobao, l'Ebay cinese; di Alipay, il servizio di pagamento online simile a Paypal e di TMall, piattaforma dedicata a marchi e rivenditori su cui verranno promosse anche le aziende italiane, grazie a un accordo siglato a giugno scorso con il governo in occasione della visita del premier Matteo Renzi. Lo scorso settembre Alibaba ha fatto il suo debutto a Wall Street con l'Ipo più alta mai registrata sui mercati azionari mondiali, a 25 miliardi di dollari, dopo che i sottoscrittori hanno esercitato l'opzione di vendita di un ulteriore pacchetto di 48 milioni di azioni, per la forte richiesta sul mercato.

A favorire la scalata del gigante dell'e-commerce cinese il boom degli utenti web cinesi arrivati a quota 632 milioni. Di questi, circa 300 milioni sono attivi sulle piattaforme del gruppo con transazioni arrivate l'anno scorso a 240 miliardi di dollari. Secondo gli ultimi dati forniti, le entrate totali sono aumentate nel periodo ottobre-dicembre 2013 del 62% rispetto allo stesso periodo del 2012, toccando i 18,75 miliardi di yuan. Ad aprile dello scorso anno Alibaba ha comprato il 18% dei pacchetti azionari del sito di microblogging cinese Sina Weibo, il Twitter cinese, per un valore di 586 milioni di dollari. Un anno dopo il presidente Ma ha fondato Alibaba Pictures Group, che ha già investito più di 3 miliardi di dollari nel settore cinematografico.

Quanto alle partecipazioni azionarie, i dettagli sono emersi solo di recente sulla stampa, secondo cui Jack Ma è solo il terzo azionista del gruppo con una quota pari all'8,9%. La società di telecomunicazioni giapponese SoftBank Corp.e Yahoo Inc. possiedono, invece, ad oggi rispettivamente il 34,4% e il 22,6% delle azioni. La compagnia nipponica investì nel gruppo circa 14 anni fa, mente Yahoo acquistò il 40% delle azioni nel 2005.

Allora insegnate di inglese, Jack Ma aveva 35 anni quando insieme ad altre 17 persone riuscì a mettere insieme 60mila dollari spiegando in modo vago l'intenzione di voler costruire un sistema per connettere le imprese cinesi al resto del mondo. Secondo il Financial Times la folgorazione l'aveva avuta quattro anni prima, in un viaggio di lavoro in America come traduttore durante il quale si innamorò di internet e delle sue potenzialità, ancora poco conosciute in Cina.

Oggi il padre di Alibaba è il 34esimo uomo più ricco al mondo e nel 2011 è stato il primo tra i suoi connazionali a finire sulla copertina di Forbes. Secondo la classifica Hurun – il Forbes cinese - Ma è ora il terzo Paperone della Cina, dietro il re del solare, Li Hejun, e  Wang Jianlin, presidente del gruppo immobiliare Wanda con un patrimonio stimato in 25 miliardi di dollari e interessi nelle sale cinematografiche Usa e nel calcio europeo: dopo l'ingresso con una quota del 20% nell'Atletico Madrid, Wang sarebbe vicino all'acquisto di Infront, il gruppo guidato dal nipote di Sepp Blatter che gestisce i diritti televisivi delle partite di Serie A.

 

Alibaba come Amazon, il colosso cinese consegnerà via drone - VIDEO

 

5 febbraio 2015


ALTRI ARTICOLI

 

TAIWAN: 31 MORTI NELL'INCIDENTE AEREO, 12 I DISPERSI

 

OSLO ESPELLE STUDIOSO CINESE, PECHINO: "VIOLAZIONE DEI DIRITTI"


CINA TAGLIA RISERVE BANCHE PER AIUTARE ECONOMIA

 

ITALIA-CINA: NASCE JV PER FILIERA DI SICUREZZA ALIMENTARE

 

CINESE ESTRADATA DALL'ITALIA, PRIMO CASO IN UE

 

UN SECONDO BANCHIERE SOTTO INCHIESTA PER CORRUZIONE

 

RE DEL SOLARE, LI HEJUN, NUOVO UOMO PIU' RICCO SECONDO HURUN

 

TROPPI SUICIDI, POLEMICA TRA FOXCONN E SINDACATO

 

MANIFATTURIERO NEGATIVO PER IL SECONDO MESE CONSECUTIVO A GENNAIO

 

MINSHENG BANK CROLLO IN BORSA DOPO DIMISSIONI DEL PRESIDENTE

 

OMICIDIO MC DONALD'S, GIUSTIZIATI I DUE ASSASSINI

 

DA PECHINO 'NO' A INCONTRO TRA OBAMA E DALAI LAMA

 

HK TORNA IN STRADA, 500MILA I MANIFESTANTI PRO-DEMOCRAZIA

 

SETTORE BANCARIO OMBRA SCENDE DEL 6% NEL 2014


CINA PRIMA DESTINAZIONE PER INVESTIMENTI 2015
Supera Stati Uniti per la prima volta dal 2003

 

VALLAS A LI, MERCATO EUROPEO ANCORA POSITIVO PER PECHINO

 

VIETATI LIBRI TESTO CON VALORI OCCIDENTALI ALL'UNIVERSITA'

 

STOP PRIVATIZZAZIONE PIREO: CINA PREOCCUPATA

 

NUOVE MISURE DI SICUREZZA PER "MINACCE SENZA PRECEDENTI"

 

COMMISSIONE ANNUNCIA INCHIESTA SU MARGIN TRADING

 

TURISMOTORNA A RIMINI MATCHING CHINA

 

DAGONG EUROPE: ANDREA CINCINNATI CINI
NUOVO SENIOR CREDIT OFFICER

 

PECHINO PUNTA AD ABBASSARE TARGET CRESCITA AL 7%

 

DONNA DENUNCIA STERILIZZAZIONE FORZATA

 

LI: POLITICA MONETARIA STABILE PIU' DIFFICILE DOPO QE BCE

 

TYCOON CITA GOVERNO LOCALE PER MANCATO PAGAMENTO

 

APPLE RADDOPPIA IN CINA MA PRIMATO RESTA IN USA

 

CENA A BASE DI SALAMANDRA, BOTTE POLIZIA A REPORTER

 

USA-INDIA: I DUBBI DELLA CINA SUI LEGAMI TRA OBAMA E MODI

 

SHANGHAI RIMUOVE OBIETTIVO DI CRESCITA PER IL 2015

 

E-COMMERCE AL +55,6%, VALE 331 MILIARDI DI YUAN NEL 2014

 

MOTOROLA: LENOVO RILANCIA BRAND IN CINA

 

LI KA-SHING VIA DALLA CINA, ORA GUARDA ALL'EUROPA

 

BCE: CINA FA SAPERE CHE QE FAVORIRA' AUMENTO EXPORT

 

DA JIA JIANGKE UN FILM CONTRO L'INQUINAMENTO

 

XINJIANG: ARRESTI RADDOPPIANO NEL 2014 OLTRE 27MILA


DAVOS, LI: «NUOVA NORMALITA’» LOCOMOTIVA CINA NON PERDERA' SLANCIO

 


 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci