Ambiente

Ambiente

Shanghai avvolta dallo smog,
ai livelli più alti da gennaio

Shanghai avvolta dallo smog, <br />ai livelli più alti da gennaio


Pechino, 15 dic. - Dopo Pechino, tocca ora a Shanghai finire avvolta nella nube di smog. Questa mattina, ora locale, gli abitanti della metropoli cinese si sono svegliati con valori che superavano i trecento microgrammi per metro cubo di aria, secondo i rilevamenti dell'ambasciata statunitense, con un picco di 331 microgrammi di polveri sottili per metro cubo d'aria alle sette del mattino, mezzanotte in Italia, per poi scendere di poco nel corso della giornata. Lo smog prende tutta l'area costiera della Cina, come mostrano alcune fotografie diffuse dall'agenzia Xinhua che mostrano le aree del Jiangsu, nella Cina orientale, ricoperte dalla tipica foschia densa dell'inquinamento atmosferico.


Lo smog arriva in un momento in cui la città si prepara per la seconda edizione della World Internet Conference, dopo quella molo contestata dello scorso anno, in cui è previsto anche un discorso del presidente cinese, Xi Jinping. Il livello di smog a Shanghai è giudicato "pericoloso" per la salute, quasi dieci volte oltre la soglia di sicurezza fissata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità di 25 microgrammi per metro cubo di aria. Il problema dell'inquinamento in Cina è tornato a farsi sentire nelle scorse settimane, quando a Pechino la concentrazione di polveri sottili nell'aria ha superato i 650 microgrammi per metro cubo, al picco, e poi settimana scorsa, quando la municipalità della capitale ha emesso per la prima volta l'allarme rosso, il livello più alto di allerta, da martedì a giovedì scorso, mettendo in atto una politica di targhe alterne nella città, ordinando la chiusura dei cantieri edilizi, e raccomandando alle fasce più deboli della popolazione di non uscire di casa se non per casi di necessità.

Secondo i dati presentati dal Cesif, il Centro Studi per le Imprese della Fondazione Italia-Cina, Shanghai è al 39esimo posto tra le 74 città prese in considerazione, nella media dell'inquinamento atmosferico, molto più in basso di Pechino (decima) di Tianjin (tredicesima) e di Chongqing, al ventiduesimo posto. Prima in graduatoria, stando ai valori calcolati fino al 31 ottobre scorso, è la città di Baoding, a circa 140 chilometri a sud di Pechino, con una media di 95,9 microgrammi per metro cubo di aria. Pechino ha una media di settanta microgrammi. "Nel tredicesimo piano quinquennale 2016-2020 - si legge in una nota di accompagnamento ai dati - questo tema riveste un'importanza sempre maggiore, dimostrata anche dalla nuova legge sulla tutela ambientale, in vigore da inizio a anno in sostituzione di una legge del 1989, che prevede obblighi più rigorosi per le imprese in materia di prevenzione e controllo dell'inquinamento, oltre a pene più severe in caso di riduzione degli stessi".

 

15 DICEMBRE 2015

 

LEGGI ANCHE

 

ACCORDO CLIMA, XI-OBAMA AL TELEFONO, COLLABORIAMO

 

A PECHINO TORNA IL CIELO BLU, FINE ALLARME ROSSO SMOG

 

SMOG: ALLARME ROSSO, ANDRA' AVANTI FINO A GIOVEDI'

 

CONFERENZA DI PARIGI
CLIMA: XI A PARIGI PROMETTE PICCO EMISSIONI ENTRO 2030


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci