Ambiente

Ambiente

Mercato carbonio, Pechino
estende progetto pilota

Mercato carbonio, Pechino<br />
estende progetto pilota


di Giovanna Tescione
Twitter@GiTescione

 

Roma, 30 apr. – Il mercato del carbonio cinese sarà esteso ad altre province ad alta concentrazione industriale, una mossa tesa a irrobustire la lotta alle emissioni. Dopo il progetto pilota dell’ Emission Trading System, lanciato 10 mesi fa e successivamente allargato ad altre 6 città e province inquinanti, “il governo sta pensando di ampliare il piano regionale” ; così  Su Wei, funzionario della Commissione Nazionale Riforme e Sviluppo, ha annunciato l’allargamento su vasca scala del progetto di vendita di permessi di emissione di CO2. Il progetto pilota era stato lanciato il 18 giugno scorso nella città di Shenzhen, una scelta non casuale dal momento che la città metropolitana della provincia del Guangdong, vicina all’hub di Hong Kong e con oltre 10 milioni di abitanti, è considerata il fiore all’occhiello della produttività cinese.

 

Lo schema, nato con l’obiettivo di controllare e ridurre l'intensità di CO2 del 21% entro il 2015 , prende a modello l'ETS europeo imponendo a circa 365 imprese di acquistare permessi di emissione per un totale di circa 31.7 milioni di tonnellate di CO2 annue, considerato come anno di riferimento il 2010, pari al 38% delle emissioni totali di Shenzhen.

 

Oggi, dopo i risultati positivi di Shenzhen e successivamente di Pechino, Shanghai, Tianjin, Chongqing e le province del Guangdong e Hubei, toccherà ad altre regioni chiave della Cina, con l’obiettivo ultimo di estendere il progetto su scala nazionale; non è però chiaro quale sarà il termine ultimo per l’attuazione del piano.

 

A poter essere inclusi nel mercato del carbonio potrebbero figurare secondo Su lo Hebei, una delle province più inquinanti della Cina con la sua vasta produzione di acciaio, lo Shanxi e la Mongolia Interna. Non solo. Sarebbero oggetto di studio anche l’hub manifatturiero del Jiangsu e dello Zhejiang che potrebbero far parte del mercato di Shanghai, mentre il Guangxi e Hainan, nella parte sud della Cina, potrebbero essere collegati al mercato del Guangdong, dove attualmente la CO2 viene scambiata a 7 euro la tonnellata, superiore al mercato attuale europeo, che vende a 5 euro la tonnellata.

 

Mentre nel giorno di apertura del meccanismo di cap and trade, i permessi sono stati venduti sul mercato al prezzo di 28-30 yuan a tonnellata, pari a 3.43-3.68 euro/ton.

 

Il peggioramento della qualità dell’aria in Cina - primo paese per emissioni di anidride carbonica - è di recente in cima alla lista delle priorità del gigante asiatico che sta pian piano virando dal modello di crescita a tutti i costi, che tanto preoccupa il miliardo e trecento milioni di cinesi, verso un modello più sostenibile. E in questo senso si colloca la campagna di ispezioni a livello nazionale lanciata per accertare il numero di aziende che rispettano le norme anti-inquinamento. Secondo quanto annunciato di recente dal ministero della Protezione Ambientale, delle 25mila imprese finora oggetto di ispezioni ambientali svolte a livello nazionale, sono oltre duemila quelle non in regola. Sembra inoltre più vicina la transizione verso un'economia low carbon come previsto dal piano nazionale per tagliare di circa un terzo i consumi di carbone nelle regioni industriali più produttive e inquinanti, con l’obiettivo di ridurre le emissioni del 40-45% entro il 2020.

 

Secondo le ultime stime di Greenpeace, se la Cina riuscirà nel piano di tagliare il tasso di inquinamento proveniente dal proprio apparato industriale, il picco delle emissioni globali verrà raggiunto prima del 2020, a quota 1,3 miliardi di tonnellate per allora, con ripercussioni positive a livello mondiale. Il trend è già avviato, secondo le stime ufficiali, che lo scorso anno hanno visto un aumento del 2,6%, contro il dato del 2011, che segnava una crescita del 9,4% su base annua.

 

30 aprile 2014

 

LEGGI ANCHE

 

IN ARRIVO NUOVE LEGGI PER L AMBIENTE

 

 

ALTRI ARTICOLI:

 


XI A KASHGAR, "FRONTE DELLA LOTTA AL TERRORISMO"

 

OBAMA ALLA CINA: SOSTEGNO USA A MANILA E' BLINDATO

 

MUORE CAPOREDATTORE XINHUA, PROBABILE SUICIDIO

 

UCRAINA, CINA DICE NO A NUOVE SANZIONI ALLA RUSSIA

 

PECHINO E SANTA SEDE, A S.PIETRO C'ERA ANCHE LA CINA

 

NUOVA STRETTA AL WEB, AL BANDO 4 SERIE USA


MALAYSIA: RICERCHE SUL FONDALE, "FORSE NON LO TROVEREMO"

 

RIAPRE YUE YUAN, OPERAI TORNANO A LAVORO


80 PROGETTI PILOTA APERTI AI PRIVATI,PRIORITA' AL SETTORE ENERGETICO 

 

OBAMA IN GIAPPONE, SI' AD ALLEANZA SU ISOLE 

 

PMI IN LIEVE AUMENTO, YUAN AI MINIMI DAL 2012

 

PMI IN LIEVE AUMENTO, YUAN AI MINIMI DAL 2012

 

OBAMA IN ASIA, PECHINO ESCLUSA "USA ANACRONISTICI"

 

RITIRATE PRESS CARD A OLTRE 14MILA FALSI GIORNALISTI

 

HK: BIMBA CINESE FA BISOGNI IN STRADA, POLEMICA SUL WEB 

 

IN ARRIVO NUOVE LEGGI PER L'AMBIENTE

 

STUDENTESSI IN TOPLESS CONTRO DISCRIMINAZIONI SU ACCESSO AL LAVORO

 

AUTOCHINA 2014, FOCUS SU AUTO ELETTRICHE 

 

FIAT: AL VIA PRODUZIONE DI TRE NUOVI SUV PER LA CINA

 

SCIOPERI A DONGGUAN, DECINE DI MIGLIAIA CONTRO LA FABBRICA DI SCARPE YUE YUEN

 

BLOGGER CONDANNATO A 3 ANNI PER RUMORS ONLINE

 

FDI: +5,5% PER IL PRIMO TRIMESTRE DEL 2014 

 

PIL A +7,4% NEL PRIMO TRIMESTRE 2014, AI MINIMI DA 18 MESI

 

XI RIUNISCE COMMISSIONE SICUREZZA, "STABILITA'"

 

LAVROV: "PECHINO IMPARZIALE SU UCRAINA"

 

VISTI SEMPLIFICATI PER I CITTADINI CINESI: INTERVISTA ALL'AMBASCIATORE BRADANINI

 

MEGA SCIOPERO IN FABBRIZA SCARPE, TEMONO I GRANDI MARCHI

 

SCANDALO NELLA SANITA': 114 ARRESTI E 500 TRUFFATI

 

MEGA SCIOPERO IN FABBRICA SCARPE, TEMONO I GRANDI MARCHI

 

HU YAOBANG A 25 ANNI DALLA MORTE, IL FIGLIO AL SCMP

 

ITALIA PREMIATA PER LA FIERA SULLE TECNOLOGIE

 

CINA ESCLUDE RISCHIO HARD LANDING PER L'ECONOMIA

 

ZHOU YONGKANG, ALTRI DUE ALLEATI INDAGATI PER CORRUZIONE 

 

NUOVE SEMPLIFICAZIONI PER IL RILASCIO DEI VISTI ITALIANI

 

INFLAZIONE AL 2,4% A MARZO, PRIORITA' PER LA BANCA CENTRALE

 

RESPINTA RICHIESTA DI APPELLO PER ATTIVISTA XU ZHIYONG

 

BENZENE IN ECCESSO NELL'ACQUA POTABILE, PANICO A LANZHOU 

 

FUNZIONARI PCC, 54 MORTI INNATURALI DA INIZIO 2013


DAI "TRE NO" AI "TRE LINK" NELLO STRETTO DI TAIWAN

 

BOAO, LI KEQIANG: NO A NUOVI STIMOLI ALL'ECONOMIA

 

TAIWAN: FINE OCCUPAZIONE PARLAMENTO, NON DELLA PROTESTA

 

SEQUESTRO TURISTA CINESE, RISCATTO DA 11 ML DI DOLLARI

 

HAGEL CONCLUDE VISITA IN CINA, XI: 'AMPLIARE COOPERAZIONE'

 

FMI: CRESCITA CINA AL 7,5% PER IL 2014

 

ALLEATO DI ZHOU YONGKANG ESPULSO DAL PCC

 

CINA AMMONISCE USA SU RIARMO TAIWAN

 

HAGEL IN CINA: "MAGGIORE SICUREZZA INFORMATICA"

 

NAPOLITANO CONFERISCE PREMIO AI VERTICI DI MANDARIN CAPITAL

 

EX FEDELISSIMO DI BO XILAI SI SUICIDA A CHONGQING

 

NUOVO ACCORDO AGI-XINHUA SU INFORMAZIONE ECONOMICA

 

SEGRETARIO DIFESA USA IN VISITA ALLA LIAONING

 

RICERCHE AEREO MALAYSIA, SEGNALI "PROMETTENTI"

 

BANCA MONDIALE RIDUCE PREVISIONI DI CRESCITA CINESE

 

AL VIA PARTNERSHIP ITALO-CINESE PER STUDIO TERREMOTI

 

BERTUCCIOLI-MASINI, "ITALIA E CINA"

 

CHIESA A RISCHIO DEMOLIZIONE, I FEDELI LOTTANO PER SALVARLA


AUTHORITY BANCARIA PIANIFICA STRESS TEST

 

USA A CINA:NO AD AZIONI STILE CRIMEA

 


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci