Ambiente

Ambiente

Greenpeace: migliora
l'aria in 189 città cinesi

Greenpeace: migliora <br />l aria in 189 città cinesi


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 22 lug. - Migliora l'aria nelle città cinesi, secondo l'ultimo rapporto di Greenpeace. In 189 città cinesi prese in esame nella prima metà del 2015 dall'ultimo rapporto dell'organizzazione ambientalista, non sono stati solo i prezzi delle azioni a scendere, di recente, in Cina, ma anche i livelli di PM 2.5 nell'aria, come scrive la stessa Greenpeace nei dati pubblicati oggi. A contribuire al miglioramento dell'inquinamento atmosferico sono state le norme anti-smog recentemente entrate in vigore, con pene più severe per chi inquina e ulteriori restrizioni sulle emissioni inquinanti, che hanno portato in diversi casi a un calo degli utili delle aziende del settore minerario: Shenhua, il maggiore gruppo del carbone in Cina, ha segnato lunedì scorso un calo nelle vendite del 22,2% su base annua a giugno, a quota 37,2 milioni di tonnellate, e un calo della produzione del 10,9%, a 22,9 milioni di tonnellate.

Nella classifica delle aree più inquinante della Cina, Pechino figura al terzo posto con un calo nella concertazione di polveri sottili del 15,5% su base annua nel periodo compreso tra gennaio e giugno scorso, dopo le provincie dello Henan e dello Hebei, nel nord-est del Paese, rispettivamente in prima e seconda posizione. Tra le altre grandi città ai primi dieci posti ci sono Tianjin, quinta, confinante con la capitale, e Chongqing, la metropoli del sud-ovest cinese, al settimo posto. Gli ultimi dati, precisa però l'organizzazione ambientalista, "rappresentano una goccia nell'oceano" perché "le statistiche mostrano anche che l'inquinamento dell'aria in Cina rimane pericolosamente ad alti livelli".

Nonostante il calo, le città cinesi rimangono inquinante e in molti casi non riescono a soddisfare gli standard di pulizia dell'aria fissati dal governo, meno severi di quelli dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. A Pechino, la media di inquinamento atmosferico è di 77,8 microgrammi di poveri sottili per metro cubo di aria, molto al di sopra degli standard internazionali. Tra i dati positivi, c'è la generale tendenza alla diminuzione delle emissioni: solo in diciotto città di quelle prese in esame da Greenpeace sono stati registrati valori di PM 2.5 superiori a quelli dello scorso anno.

 

 

22 luglio 2015


ALTRI ARTICOLI

 

AL VIA A SHANGHAI LA BRICS BANK

 

ESPULSO DAL PCC EX SEGRETARIO DI HU JINTAO

 

XI A OBAMA PROMETTE APPOGGIO SUL NUCLEARE IRANIANO

 

INTER: AL VIA IL TOUR CINESE, PRIMA TAPPA A SHANGHAI

 

XI: RIFORME E IMPRESE DI STATO PER LA RIPRESA ECONOMICA

 

DOPO IL CROLLO PIU' REGOLE E CONTROLLI PER LA FINANZA ONLINE

 

CINA: QUATTRO ARRESTI PER VIDEO SEXY ALL'UNIQLO

 

XINHUA: AVVOCATO ZHOU SHIFENG HA AMMESSO LE SUE COLPE

 

DA BANCHE 209 MILIARDI PER FERMARE CROLLO MERCATI

 

FATTO A PEZZI E ANNEGATO EX DISCEPOLO RASPUTIN CINESE

 

GIAPPONE: ALLARME CINA RIFORMA FORZE ARMATE, "MINACCIA PACE"

 

CINA: DIGITAL BROS APRE NUOVA SEDE A SHENZHEN

 

CINA,COSA CAMBIA DOPO ACCORDO SU NUCLEARE

 

FITCHT-MOODY'S: EFFETTO CROLLO BORSE LIMITATO SU ECONOMIA

 

ADB TAGLIA STIME CRESCITA
Da calo Borse no impatto consumi

 

PREVISTI 1000 KM DI FERROVIE PER DECONGESTIONARE PECHINO

 

VIDEO SEXY ALL'UNIQLO, AUTORITA': "CONTRO SOCIALISMO"


CRESCITA AL 7% NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2015

 

CINA: ACCORDO SU IRAN "DA' SPERANZA" PER PYONGYANG

 

DATI PIL SPINGONO MERCATI ASIATICI, SHANGHAI NEGATIVA


PREMIER LI: MISURE PRECISE PER SOSTENERE LA CRESCITA

 

HUNDSUN PRIMO GRUPPO SOTTO INDAGINE PER CROLLO BORSE

 

GRECIA, CAIXIN: ACCORDO NON BASTERA' A SALVARLA


ESPLODE FABBRICA DI FUOCHI D'ARTIFICIO, 15 MORTI


BORSE IN RIPRESA DOPO IL CROLLO
Dubbi su durata interventi governo


CINA FISSA NUOVI STANDARD CONVERSIONE CARBONE


LIBERATA GIORNALISTA CINESE DIE ZEIT, COPRIVA OCCUPY


PUTIN: "CINA RIMARRA'LOCOMOTIVA MONDIALE"

 


 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci