In evidenza

AL VIA A PECHINO IL ROADSHOW PER EXPO MILANO 2015

AL VIA A PECHINO IL ROADSHOW PER EXPO MILANO 2015


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 22 ott. - E' cominciato oggi ufficialmente il roadshow di promozione in Cina di Expo Milano 2015. La manifestazione itinerante toccherà otto città cinesi: oltre alla capitale, le città coinvolte sono Shanghai, Canton, Fuzhou, Changsha, Chongqing, Jinan e Zhengzhou, tutte situate nella parte orientale o meridionale della Cina. L'apertura del roadshow è stata celebrata dalle autorità italiane e cinesi all'interno della "Sfera" di Expo eretta nel cuore di Wangfujing, centralissima via dello shopping di lusso pechinese, a poche centinaia di metri da piazza Tian'anmen, cuore storico e politico della Cina.

"Il governo italiano è impegnato a fare sì che la presenza cinese sia un grande successo - ha sottolineato nel discorso inaugurale l'ambasciatore d'Italia in Cina, Alberto Bradanini - Vogliamo che tutto il mondo sia in grado di ammirare questo successo. Il governo cinese può contare sul nostro impegno". La presenza cinese è tra le più significative all'Expo di Milano, con tre padiglioni: oltre a quello istituzionale, ci sarà un padiglione gestito dal gruppo immobiliare Vanke, e un terzo padiglione, il China Corporated United Pavillion, che rappresenterà le imprese dell'area di Shanghai. "Attraverso l'Expo abbiamo la grande opportunità di intensificare la cooperazione e promuovere scambi politici, economici e culturali tra i due Paesi - ha sottolineato ancora Bradanini - Italia e Cina sono pronte a potenziare l'economia e la cooperazione commerciale in ambito agricolo, turistico e socio-culturale, usando l'esposizione universale come piattaforma".

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti, per la parte italiana, anche il commissario unico per il governo italiano per Expo Milano 2015, Giuseppe Sala, e il direttore centrale per la promozione del sistema Paese del ministero degli Esteri, Vincenzo De Luca, che ha sottolineato come tutto il ministero degli Esteri e la rete diplomatica e consolare stiano sostenendo lo sforzo di Expo, "sicuramente l'evento globale più importante che si tiene in Italia e in Europa nei prossimi anni". Per la parte cinese, era presente il vice presidente del CCPIT, il China Council for Promotion of International Trade, l'ente promotore della partecipazione ufficiale cinese all'Esposizione Universale del prossimo anno, Wang Jinzhen, la vice sindaco di Pechino, Cheng Hong, e il vice segretario del Ministero dell'Agricoltura, Tang Shenyao. "Il roadshow è il punto di forza del China Special Project per Expo Milano 2015 presentato all'inizio del 2013 - ha spiegato Sala nel suo intervento - L'obiettivo di questa iniziativa è fare conoscere contenuti e opportunità che l'evento di Milano offre alla Cina e sostenere la campagna di vendita dei biglietti di ingresso all'esposizione universale in tutto il Paese".

Sala, nel suo discorso, ha poi presentato anche due degli "ambasciatori" di Expo Milano 2015 nel mondo: Marcello Lippi, allenatore del Guangzhou Evergrande, e il pianista Lang Lang, che ha inviato un video-messaggio di auguri per l'Expo del prossimo anno. "In questi anni, in Cina, ho scoperto quanto l'Italia sia amata in questo Paese e sono felice che questo roadshow avvicini sempre di più i due popoli - ha dichiarato in un messaggio letto da Sala l'ex commissario tecnico della nazionale - Approfitto quindi per invitare i cinesi a Milano, perché potranno scoprire una città accogliente e un Expo che li saprà stupire". Wang Jinzhen, commissario generale del padiglione istituzionale cinese, ha poi sottolineato l'importanza di Expo per la Cina. "Mostreremo i risultati ottenuti in agricoltura, nei prodotti alimentari, nell'urbanizzazione e nello sviluppo sostenibile, che sono le sfide che stiamo affrontando. Inoltre - ha proseguito Wang - racconteremo la lunga storia del nostro Paese, la splendida cultura, l'abbondante e delizioso cibo, così come il nostro impegno e le nostre aspettative per il futuro".

 


VINITALY A FIANCO DI EXPO 2015, PRIMO ROADSHOW A PECHINO


Pechino, 22 ott. - Vinitaly torna a Pechino per promuovere il vino italiano in occasione della prima tappa del roadshow di presentazione di Expo Milano 2015. Da oggi a domenica prossima, Vinitaly International, braccio strategico all'estero di Vinitaly, porterà i vini italiani agli ospiti della manifestazione itinerante e presenterà in anteprima a Pechino il padiglione sul vino che coordinerà assieme a Veronafiere durante l'Esposizione Universale di Milano. Il roadshow cinese toccherà otto città: oltre alla capitale, passerà per Shanghai, Canton, Fuzhou, Changsha, Chongqing, Jinan e Zhengzhou, tutte situate nella parte orientale o sud-orientale della Cina. Il via ufficiale alla prima tappa ha avuto luogo oggi a Wangfujing, centralissima via dello shopping pechinese, a poche centinaia di metri da piazza Tian'anmen.

"Sin dall'inizio, il progetto ha avuto l'obiettivo di garantire la rappresentazione della produzione vinicola nazionale" ha affermato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere e membro del comitato scientifico del padiglione del Vino. "Si racconterà la storia del vino italiano, la sua lunga tradizione culturale, anche attraverso la presentazione e la degustazione per creare una grande vetrina per la promozione del settore vitivinicolo nel mondo". Vinitaly, sottolinea la stessa associazione di produttori di vino in una nota, "sarà a bordo del roadshow per promuovere l'Expo in Cina in tutte le tappe che sono state fissate". Tra gli importatori che partecipano all'iniziativa saranno presenti 100ITA, Amore Fine Wines, ASC, Cru Italy e SinoDrink.

 

 

22 ottobre 2014

 

 

LEGGI ANCHE:

 


SBARCA A DALIAN VINITALY INTERNATIONAL

 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci