In evidenza

A PECHINO TORNA IL CIELO BLU, FINE ALLARME ROSSO SMOG

A PECHINO TORNA IL CIELO BLU, FINE ALLARME ROSSO SMOG


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 
Pechino, 10 dic. - Torna il cielo blu a Pechino, colpita nei giorni scorsi dalla seconda ondata di smog in pochi giorni. I valori delle polveri sottili erano ieri al di sopra di quota trecento microgrammi per metro cubo di aria prima di scendere nella notte e tornare sotto quota cento microgrammi per metro cubo nella mattina di oggi, ora locale. L'allarme rosso, il grado più elevato di allerta contro lo smog, emesso per la prima volta lunedì scorso, è scaduto oggi a mezzogiorno, ora locale, mentre l'aria della capitale cinese tornava a farsi respirabile. A spegnere almeno parzialmente gli entusiasmi sono le previsioni dei meteorologi che parlano di un possibile ritorno della nube già nel fine settimana con, in totale, altre due possibili ondate di smog prima di fine mese.

Gli ultimi numeri dell'ondata di smog parlano di un lieve aumento delle corse in ospedale o in strutture sanitarie nei giorni di picco dell'inquinamento atmosferico, secondo i dati relativi alle corse in auto fatte tramite la app Didi Kuaidi, l'equivalente cinese di Uber, e il tutto esaurito di mascherine anti-smog, le cui vendite sono balzate del 400% rispetto ai normali periodi di basso inquinamento, secondo i dati di Jd.com, uno dei maggiori portali di e-commerce della Cina. In segno di ringraziamento ai cittadini per la collaborazione nei giorni di allarme rosso, la municipalità di Pechino ha postato un messaggio sul proprio sito web diretto agli oltre venti milioni di abitanti della città per il "significativo contributo nel fermare l'ulteriore peggioramento dello smog". Assieme all'allarme rosso, lunedì scorso, era stato emesso anche un regime di targhe alterne per limitare le emissioni provenienti dai gas di scarico delle milioni di automobili che transitano ogni giorno sulle strade della capitale.

Oltre 840mila chilometri quadrati sono stati coperti dallo smog nei giorni scorsi e il pericolo per i meteorologi è il ritorno di livelli alti o altissimi di polveri sottili nell'aria a causa dell'assenza di venti: solo il freddo vento da ovest aveva fermato il deteriorarsi della qualità dell'aria settimana scorsa quando le polveri sottili erano arrivate a superare i seicento microgrammi per metro cubo nell'aria della città, uno dei valori più alti degli ultimi anni. Nei giorni scorsi, le autorità della capitale avevano chiesto ai cittadini di non uscire di casa se non in casi di assoluta necessità e avevano diramato l'avviso di tenere chiuse le scuole nei giorni di picco dello smog, anche se la misura era stata lasciata alla discrezionalità dei singoli istituti. 

 

10 DICEMBRE 2015

 

LEGGI ANCHE

 

SMOG: ALLARME ROSSO, ANDRA' AVANTI FINO A GIOVEDI'

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci