In evidenza

G20: E. LETTA, SUMMIT IN CINA PUNTO DI SVOLTA PER RILANCIO GRUPPO

G20: E. LETTA, SUMMIT IN CINA PUNTO DI SVOLTA PER RILANCIO GRUPPO


Roma, 21 lug. - La Cina si prepara a ospitare il prossimo G20 che si terra' a settembre ad Hangzhou, nello Zhejiang, e le "aspettative globali sul summit sono elevate". "Con la presidenza assunta dalla Cina, questo vertice rappresentera' un punto di svolta rispetto alle passate edizioni": lo ha dichiarato Enrico Letta, presidente dell'Associazione Italia-Asean, alla conferenza "Il G20 cinese, una grande sfida per il rilancio del sistema multilaterale" svoltasi a Palazzo Montecitorio e organizzata dalla Scuola di Politiche, fondata dallo stesso Letta nel 2015. L'obiettivo del G20 - il forum che riunisce le economie piu' avanzate del mondo, l'Unione europea e i paesi emergenti - e' trovare una soluzione alla crescita mondiale "ancora lenta e diseguale". Le passati edizioni hanno faticato a elaborare risposte efficaci alle crisi finanziarie. "Ci aspettiamo che questo G20 segnera' se non il punto di svolta, come auspicato da Letta, senz'altro l'inizio di un importante cambiamento", ha detto Chen Zhimin, docente presso il dipartimenti di studi internazionali dell'Universita' Fudan di Shanghai. "Lo sviluppo economico", ha proseguito Chen, "sara' al centro dell'agenda del G20 che avra' quindi l'obiettivo di trovare soluzioni per raggiungere la crescita sostenibile entro il 2030. Il focus sara' inoltre su innovazione e imprenditoria nell'ambito di una strategia di crescita economica di lungo periodo. L'impegno dei paesi membri vertera' poi sulla promozione delle riforme delle istituzioni finanziarie e del commercio internazionale. Infine, ci sara' una spinta affinche' i paesi del G20 ratifichino l'accordo di Parigi sul clima del 2015 e intraprendano azioni concrete".

 

Il G20 si apre in un clima geopolitico nel sud-est asiatico reso rovente dalla sentenza della Corte Permanente di Arbitrato dell'Aia dei giorni scorsi, che ha negato a Pechino ogni diritto storico sul Mare Cinese Meridionale a favore delle Filippine. Il Tribunale dell'Aja ha smentito la validita' della "nine-dash line", la linea a nove trattini che racchiude circa l'85% delle acque del Mare Cinese Meridionale, che Pechino rivendica come parte integrante delle proprie acque territoriali. La Cina non ha pero' fatto marcia indietro sulle rivendicazioni territoriali e nei giorni scorsi ha messo in guardia i Paesi del sud-est asiatico dalla possibilita' di una guerra, invocando la risoluzione tramite negoziati bilaterali delle dispute con le Filippine. "La delicata questione delle dispute territoriali nel Mar Cinese Meridionale non condizionera' l'agenda del G20", ha specificato Chen Zhimin, "anche perche' molti dei paesi coinvolti, come Filippine e Vietnam, non sono presenti al vertice. Altri paesi, come il Giappone, potrebbero sollevare la questione ma il G20 non e' l'ambito piu' giusto dove affrontare la crisi dei mari". Chen non si e' sbilanciato sulla crisi ma non ha esitato a definirla frutto dell'intromissione americana nell'aerea: "Gli Usa portano avanti azioni che dividono la Cina dai paesi vicini", ha detto lo studioso della Fudan. "La sentenza dell'Aja rappresenta un passo indietro nella risoluzione delle dispute, che invece possono risolversi solo attraverso il dialogo e in tal senso, con la recente elezione del nuovo presidente filippino Rodrigo Duterte, ci sono degli sviluppi positivi nei rapporti tra Pechino e Manila".

 

E' forte invece la preoccupazione per le possibili ripercussioni della Brexit sul processo di riconoscimento alla Cina dello status di economia di mercato. L'Aula del Parlamento europeo, con l'approvazione della risoluzione che invita la Commissione europea a non fare concessioni a Pechino, ha stabilito che la Cina non ha i requisiti per ottenere il riconoscimento.  "La Gran Bretagna fa ancora parte dell'Unione Europea e questo mi fa sperare che possa avere un ruolo positivo nello sblocco dell'impasse", ha affermato Chen. "Senza la Gran Bretagna", ha aggiunto, "sarebbe più difficile raggiungere un consenso all'interno della Commissione". Una soluzione di compromesso, secondo Chen, sarebbe riassunta nella formula "Yes, but", "Sì, ma". "Sì, ovvero l'Unione Europea deve seguire l'articolo 15 del Wto, non ricorrendo quindi all'imposizione di dazi sull'importazione delle merci cinesi. "Ma", ovvero la Cina si deve impegnare di pari passo nel ridurre la propria sovraccapacità produttiva, soprattutto nel settore dell'acciaio" ha concluso Chen.
 

 

Alessandra Spalletta

 

21 LUGLIO 2016

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci