In evidenza

CINA-RUSSIA: FORNITURE PETROLIO IN AGENDA

CINA-RUSSIA: FORNITURE PETROLIO IN AGENDA<br />


Mosca, 19 mar. - Russia e Cina discuteranno dell'aumento di forniture petrolifere sia attraverso il ramo Skovorodino-Daqing dell'oleodotto Espo (Siberia orientale-Oceano Pacifico), che via Kazakhstan. Lo ha detto il vice premier Arkady Dvorkovich, riferendosi agli imminenti colloqui tra il capo del Cremlino, Vladimir Putin, e il neo presidente cinese, Xi Jinping, che proprio in Russia compira' la sua prima visita di Stato dal 22 al 24 marzo. Dvorkovich, riferisce Interfax, ha parlato di un "leggero aumento" delle forniture, senza specificare i volumi, i quali - insieme ai termini dell'accordo finale - saranno decisi alla fine della settimana, a conclusione della visita di Xi a Mosca.

La Russia fornisce, attualmente, alla Cina 15 milioni di tonnellate di petrolio l'anno, in base a contratti ventennali siglati da Rosneft e Transneft con la Cnpc nel 2009 (con consegne iniziate nel 2011). Pechino piu' volte ha sollevato la richiesta di un aumento delle forniture, che Dvorkovich a febbraio aveva ipotizzato potesse aggirarsi non oltre i 9 milioni di tonnellate l'anno.

Allora l'agenzia economica Prime aveva parlato della possibilita' di riattivare la collaborazione con il Kazakistan e l'uso del condotto Atasu-Alashankou. Ipotesi, pero', che era stata smentita dal ministro dell'Energia russo, Alexandr Novak. Dvorkovich oggi non ha escluso che vengano siglati nuovi accordi bilaterali nel settore gas & oil e ha annunciato la possibilita' che i due Paesi prendano in considerazione l'utilizzo di strumenti di credito (sul modello di quelli ottenuti da Rosneft e Transneft nel 2009) in cambio di forniture di metano e greggio russo verso la Repubblica popolare.

Gazprom e Cnpc, ricorda Prime, hanno intenzione di firmare entro fine 2013 il sofferto contratto per la consegna di gas russo alla Cina tramite la via orientale, i cui negoziati vanno avanti da quattro anni e trovano nella formula di prezzo il maggior ostacolo. I colloqui tra Russia e Cina per la fornitura di gas si sono aperti nel 2009, quando le due parti hanno firmato un accordo energetico, in base al quale il monopolista russo deve fornire alla Cina 68 miliardi di metri cubi di gas per 30 anni. La Cnpc non e' disposta a sborsare piu' di 250 dollari per 1000 metri cubici, secondo quanto hanno riportato fonti di Gazprom a fronte di una richiesta di 500 dollari del monopolista russo.

 

 

RUSSIA-CINA: MOSCA, XI JINPING IN VISITA DAL 22 AL 24 MARZO

 

 

MOSCA, PRIMA TAPPA DA NEO PRESIDENTE PER XI JINPING

 

di Sonia Montrella
Twitter@SoniaMontrella


Roma, 21 feb.- Sarà Mosca la prima tappa internazionale di Xi Jinping in veste di capo di stato. Subito dopo, il futuro presidente i volerà in Sudafrica dove prenderà parte a un vertice delle economie emergenti.  Lo riferisce il New York Times.
  Il principe rosso, come viene definito per la sua appartenenza alla schiera dei figli dei padri della Rivoluzione, segue così le orme del predecessore Hu Jintao; tuttavia – sostengono gli analisti - il viaggio in Russia assume questa volta un significato particolare.

 

Xi vuole assicurarsi buone relazioni con Mosca nell'intento di fronteggiare e contenere l'avanzata statunitense nel Pacifico e nell'area Asia-Pacifico, tra i punti fondamentali dell'agenda estera di Washington. E l'intesa con la Russia – sostengono ancora gli analisti – deve essere rinsaldata in fretta, prima dell'incontro tra Xi e Obama, previsto non prima di settembre, quando i due presidenti prenderanno parte al G20.

 

La Cina cercherà inoltre il sostegno della Russia in quelle dispute territoriali nel Mar Cinese meridionale e sopratutto in quello orientale, dove è in corso un duro braccio di ferro tra Pechino e Tokyo per il controllo dell'arcipelago delle Diaoyu/Senkaku.
A ciò si somma il bisogno d soddisfare la fame di energia del Dragone attraverso la stipula di contratti per l'approvvigionamento di risorse energetiche russe. Magari sciogliendo qualche nodo al pettine: i due Paesi sono entrati in disaccordo per la questione del prezzo del gas, con la Russia che si è rifiutata di adattare il costo alle richieste della Cina e ha minacciato di vendere il gas all'Europa. Un cambio di rotta da cui avrebbe ricavato maggiori profitti.

 

A confermare la visita in Russia sono arrivate le dichiarazioni del presidente Putin, del ministro degli Esteri cinese Yang Jiechi – in questi giorni a Mosca – e i media di stato. Quanto alla data, non è ancora stata fissata, ma di certo Xi Jinping non salirà sull'aereo prima del 5 marzo, giorno in cui si aprirà l'Assemblea Nazionale del Popolo – una sorta di Parlamento cinese – che proclamerà ufficialmente presidente della Repubblica Popolare l'attuale segretario del Partito comunista cinese. E con lui, i suoi 6 potentissimi uomini, nominati dal XVIII Congresso del PCC dello scorso novembre.



XI JINPING: MAI COME L'URSS

 

di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest


Pechino, 15 feb. - Non fare la fine dell'Unione Sovietica. E' questo l'imperativo categorico di Xi Jinping, il timore più grande. Lo ha detto a porte chiuse ad alcuni alti funzionari durante il suo viaggio nel Guangdong, a dicembre, ma la notizia è arrivata solo oggi, dal New York Times. A fare cadere l'URSS, secondo le parole pronunciate dal neo-segretario generale del Partito Comunista Cinese, sarebbero stati il marciume politico, la perdita dell'ideologia e i complotti militari. Nel Guangdong del turbo-capitalismo, e in occasione del suo primo viaggio come leader in pectore della Cina, Xi Jinping ha voluto presentarsi agli alti papaveri del PCC come un continuatore di quella tradizione leninista a suo dire essenziale per evitare catastrofi politiche.

"Perché l'Unione Sovietica si è disintegrata? -si legge in una nota circolata tra i funzionari- Perché il partito comunista sovietico è crollato? Una ragione importante è stata che le convinzioni e gli ideali vacillavano". I toni di Xi Jinping nella nota si fanno ancora più forti quando dichiara che una sola parola è bastata per dissolvere "un grande partito" e che "nessuno" in quella circostanza "si è dimostrato un vero uomo decidendo di resistere" alla fine del PCUS. Le parole di Xi sembrano quindi in controtendenza rispetto alle voci di chi vedeva nel nuovo segretario generale del PCC una sorta di "Gorbacev cinese" che avrebbe riformato il partito e forse aperto la politica del Dragone ad alcune forme di democrazia, come era sembrato nel settembre scorso, dopo un colloquio informale con un esponente dell'ala riformatrice.

Il viaggio nel Guangdong aveva scatenato paralleli nel dicembre scorso tra il nuovo leader cinese e il padre delle riforme, Deng Xiaoping, che venti anni prima, aveva scelto proprio il sud della Cina per riconfermare l'importanza delle aperture cinesi da lui volute alla fine degli anni Settanta e che ancora oggi segnano uno spartiacque rispetto agli anni del maoismo radicale. Xi Jinping era uscito dal viaggio con l'immagine di un leader riformatore, forse non proprio in materia politica, ma che avrebbe portato novità all'apparato.
  I primi segnali si erano già visti proprio in occasione di quella prima visita, quando egli setsso per primo aveva voluto tenere fede alla norma anti-stravaganze che prevedeva il taglio di spese non essenziali durante i viaggi dei politici all'interno del Paese.

Se le priorità di Xi, lotta alla corruzione in testa, sembrano già fissate dai continui riferimenti del nuovo segretario generale nei primi mesi di mandato, le dichiarazioni ai funzionari del Guangdong confermano alcune tendenze già affiorate nelle scorse settimane sull'importanza che la leadership del partito riveste nella sua concezione del potere. Alcune settimane fa aveva ribadito questo concetto in un discorso noto come il discorso degli "otto doveri" in cui ha sintetizzato in otto punti la road map del partito per lo sviluppo del Paese: il ruolo dominante delle masse; la liberazione e lo sviluppo delle forze produttive; le riforme e l'apertura; la salvaguardia della giustizia sociale; l'agire bene; l'armonia sociale; lo sviluppo pacifico e, infine, proprio il ruolo guida del partito. Molti, in quell'occasione erano stati i riferimenti a Mao Zedong e a Deng Xiaoping, uno solo al suo predecessore, Hu Jintao, e nessuno a Jiang Zemin.

Il sentimento nazionalista era affiorato in un'altra circostanza, a novembre, due settimane dopo la nomina a segretario generale. Durante una visita al Museo Nazionale in cui si teneva una mostra sulla storia cinese dalla prima guerra dell'oppio in poi, Xi Jinping aveva fatto ancora riferimenti chiari a Mao e a Deng. Passato alle cronache come il discorso del "sogno cinese della rinascita", Xi aveva tracciato un profilo degli ultimi 170 anni di storia nazionale elogiando la capacità del popolo cinese di riprendersi dopo ogni fase tormentata, e lasciando intravedere che la linea politica politica che avrebbe seguito sarebbe stata quella di un cauto riformismo "con caratteristiche cinesi".

I toni dei suoi discorsi sono stati però altalenanti, e in qualche caso anche controversi, come quello di settimana scorsa, alla vigilia della pausa per le feste del capodanno cinese, per esempio, quando aveva dichiarato che il PCC deve essere aperto alle critiche e pronto a correggere i propri errori se li ha commessi, o a prevenirli. Questa apertura alla critica esterna ha subito portato alla mente di molti il parallelo storico con la linea dei Cento Fiori voluta da Mao Zedong nel 1956. Dietro una tolleranza iniziale sulle critiche al PCC, Mao aveva approfittato del breve clima di apertura per epurare gli oppositori. Uno spettro, quello dei Cento Fiori, che aveva agitato le acque di internet, con molti commenti tra l'ironico e il lievemente terrorizzato per l'infelice paragone con il passato.

 

@Riproduzione riservata

 


每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci