In evidenza

LA CINA E' VICINA, IL LIBRO DI VINCENZO COMITO

LA CINA E  VICINA, IL LIBRO DI VINCENZO COMITO


Vincenzo Comito
La Cina è vicina
Ediesse
Euro 12

Roma, 05 mag. - Per gentile concessione dell’editore Ediesse pubblichiamo un estratto del libro di Vincenzo Comito “La Cina è vicina”. Il libro verrà presentato a Roma mercoledì 7 maggio alle ore 18 presso Libreria Arion Monti, via Cavour 255.


“La Cina sembra ancora questo grande sconosciuto. Di fatto in Occidente, e soprattutto in Italia, il gigante asiatico continua a provocare sentimenti di inquietudine e a essere percepito come una minaccia oscura, o quantomeno come un concorrente pericoloso”, si legge in una nota diffusa dall’editore Ediesse. “Pregiudizi e stereotipi che l’analisi di Vincenzo Comito si incarica di ribaltare in un saggio agile e denso che fa parlare i numeri dell’impetuosa crescita cinese (non solo quelli del Pil) e la molecolare influenza che essa sta avendo sui destini del suo popolo e dell’intero mondo. L’autore evidenzia il significato sociale, politico e istituzionale delle cifre e le colloca in un più ampio contesto culturale, storico, istituzionale". 

 

"È vero che la Cina, a partire dalla svolta di Deng Xiaoping, sia diventata un paese capitalistico a tutti gli effetti? L’autore ci spiega che il processo è più complesso di ciò che sembra e smonta una a una tutte le più diffuse e affermate rappresentazioni della Cina contemporanea ricordandoci sempre che per interpretarla correttamente bisogna valorizzare la specificità cinese e opporsi alle narrazioni eurocentriche”


Capitolo primo
La Cina nell’immaginario occidentale
«…la Chine m’inquiète…»
la duchessa di Guermantes
in À la recherche du temps perdu
di Marcel Proust



1. Dissenting opinion

Di fronte ad una sterminata letteratura sul caso cinese, per gran parte ostile, l’autore di questo testo non nasconde la sua simpatia per il risveglio del gigante asiatico e per la sua crescente affermazione nel mondo. Una dissenting opinion che non intende nascondere le profonde contraddizioni che tale sviluppo reca con sé.

 

Non si tratta del riconoscimento del fatto che il Paese si avvia, entro pochi anni, a diventare la più grande economia del mondo e, nel medio termine, la potenza egemone del mondo. Né della speranza, ancora presente, ad esempio, in un autore come Giovanni Arrighi, della natura ancora socialista del Paese; speranza che, a nostro parere, non sembra ormai avere troppe fondamenta.

 

Le simpatie dell’autore per il Paese asiatico hanno altre basi. E segnatamente queste: la Cina è riuscita, nell’arco di pochi decenni, a togliere dalla povertà estrema circa 600 milioni di suoi abitanti, anche se certamente esistono ancora nel Paese delle sacche importanti di miseria.

 

I risultati cinesi non hanno, peraltro, niente a che fare con quelli dell’India, un Paese molto lodato per il suo sistema politico democratico. Ma la cui attenzione verso i problemi dei dannati della terra è sempre stata sostanzialmente minima.

 

Guardiamo ad alcune statistiche ricordate da A. Sen e da J. Drèze (Drèze, Sen, 2013). L’attesa di vita alla nascita è oggi di 65 anni per i cittadini indiani, contro i 73 anni per la Cina; la mortalità infantile ha un valore per il primo Paese del 47 per mille contro il 13 per mille del secondo; per quanto riguarda la percentuale dei bambini vaccinati siamo al 72% contro il 99%; per quella dei bambini sottopeso al 43% contro il 4%; per quella delle ragazze di età compresa tra i 15 e i 24 anni alfabetizzate al 74% contro il 99%; infine, il rapporto studenti/maestri nella scuola elementare è di 40 allievi contro 17. Non c’è confronto possibile.

 

Su un piano diverso va osservato che di fronte ad un mondo sino a ieri dominato dagli Stati Uniti, l’affermazione della Cina ci porta progressivamente ad avere due padroni del mondo. Il che è meglio che averne uno solo: il mondo, pur con le sue contraddizioni, ci appare più libero. Certo non siamo al crollo degli Stati Uniti, non ci troviamo in una situazione come quella descritta da Rutilio Namaziano, quel funzionario dell’impero romano che, tornando da Roma via mare al suo Paese natale, la Gallia, osservava ogni giorno nel suo lungo viaggio i segni anche fisici della decadenza dell’impero.

 

Chi scrive pensa che sarebbe ancora meglio che il mondo non avesse padroni e che tutti i Paesi si sedessero al tavolo del potere con pari dignità; ma, aspettando con speranza quel giorno, accontentiamoci di quello che sta succedendo oggi. Si potrebbe sperare che l’Europa diventi il terzo protagonista dei ‘giochi’ mondiali, ma la sua persistente disunione indica che tali speranze sono ormai ridotte al lumicino. Né si può pensare all’India come un possibile grande protagonista. Il Paese, pur con le sue grandi potenzialità, appare anch’esso chiaramente al di fuori del circuito dei grandi. Un’altra ragione, per cui l’autore guarda con molta partecipazione alla crescita della Cina è dovuta al fatto che egli ha avuto molta simpatia da giovane per il grande processo di liberazione dal giogo coloniale dei Paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina e segue, ancora oggi, con molta partecipata attenzione i loro progressi, sul fronte economico, sociale, politico.

 

Non si può non assistere con compiacimento al fatto che la Cina e tanti altri Paesi stiano progressivamente acquisendo il rango che spetta loro storicamente e contribuiscano attivamente a stabilire un nuovo equilibrio mondiale. Non si tornerà probabilmente al 1411 quando, nel pieno della dinastia Ming, la Cina, al massimo della sua potenza, aveva un peso economico preponderante rispetto agli altri Paesi del mondo. Ma, d’altro canto, nessuno potrà più ritenere che quello da poco iniziato sia un nuovo secolo americano (Chaliand, 2013). Naturalmente bisogna sempre lasciare il beneficio del dubbio a tutte le estrapolazioni dalle tendenze attuali ai prossimi decenni. La storia fa spesso dei brutti scherzi, ma il percorso sembra in larga parte segnato.

 

L'autore

 

Vincenzo Comito. Ha lavorato per molti anni nell’industria (Gruppo Iri, Olivetti, Movimento Cooperativo). Ha insegnato Economia aziendale presso la Luiss Guido Carli e presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Autore di diversi libri di successo sulle grandi imprese italiane, sulla finanza, sulle imprese multinazionali. Collabora con il manifesto e con Sbilanciamoci.info.

 

05 maggio 2014

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci