In evidenza

A SINDACO YANGZHOU PERGAMENA XVI SECOLO MARCO POLO

A SINDACO YANGZHOU PERGAMENA XVI SECOLO MARCO POLO


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 21 lug. - Una pergamena del Quattordicesimo Secolo riconducibile alla famiglia dell'esploratore Marco Polo e custodita negli Archivi di Stato è stata donata al sindaco della città di Yangzhou, nella provincia costiera del Jiangsu, dal console italiano a Shanghai, Stefano Beltrame. A Yangzhou, città di cinque milioni di abitanti esiste un museo dedicato al viaggiatore veneziano che ha raccontato il suo viaggio verso la Cina nel "Milione", redatto da Rustichello da Pisa. Il sindaco della città, Zhu Minyang, ha disposto che il regalo, risalente al 1366, venga esposto nel Museo cittadino a testimonianza del legame tra la Cina e l'Italia.

 

La pergamena, si legge in una nota, riporta un atto del Tribunale della Serenissima, in cui la figlia primogenita del viaggiatore veneziano, Fantina, vince una causa ereditaria contro una importante famiglia del tempo, e allo stesso tempo costituisce una testimonianza dei beni riportati a Venezia da Marco Polo, di ritorno da quello che era allora chiamato "Catai". Tra questi figurano: una tavoletta d'oro, con il sigillo imperiale in cinese, panni di seta decorati con draghi, finiture da cavallo in argento, scarpe decorate, monete e un sacchetto di rabarbaro. "Nell'archivio di Venezia - ha sottolineato il console Beltrame - sono conservati diversi preziosi documenti relativi alla famiglia Polo, tra cui il prezioso testamento di Ser Niccolò, il padre di Marco, che viaggiò in Asia per ben due volte. Questi documenti - conclude il console generale italiano a Shanghai - sono facilmente consultabili e spazzano via ogni risibile polemica sulle origini di Marco Polo, o addirittura sul fatto che sia veramente stato o meno in Cina".



21 luglio 2014

 


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci