Agenzia Xinhua

MUORE IL VESCOVO DI SHANGHAI

Pechino, 17 mar. - E' morto oggi il vescovo di Shanghai, Joseph Fan Zhongliang. Il religioso aveva 96 o 97 anni, a seconda delle fonti, ed e' morto a causa delle complicazioni sopraggiunte dopo una febbre alta. La notizia della morte del vescovo e' stata diffusa dalla Cardinal Kung Foundation, un gruppo che ha sede negli Stati Uniti. Per la Chiesa Cattolica, Joseph Fan ricopriva la carica di capo della Conferenza Episcopale, che in Cina, e' clandestina. Secondo quanto riferito dal gruppo statunitense, le autorita' della metropoli cinese avrebbero negato l'uso della cattedrale principale di Shanghai per i funerali del leader spirituale cinese.
  I rapporti tra la Chiesa Cattolica, che in Cina ha circa 12 milioni di fedeli secondo le stime piu' aggiornate, e il governo cinese si sono interrotti nel 1951, con l'espulsione dalla Repubblica Popolare dell'ultimo nunzio apostolico. In Cina e' presente una Chiesa patriottica di cui lo Stato nomina i vertici, una pratica che non viene riconosciuta dal Vaticano.
  La morte sia di Joseph Fan Zhongliang che del vescovo della Chiesa riconosciuta dallo Stato cinese Jin Luxian - avvenuta lo scorso anno - ha spinto la Cardinal Kung Foundation a chiedere la liberazione di Thaddeus Ma Daqin, che si trova agli arresti domiciliari dal luglio 2012, pochi giorni dopo l'ordinazione a vescovo della Chiesa patriottica da lui stesso contestata. La liberazione di Ma, scrive il gruppo statunitense verrebbe considerato "un importante passo avanti verso la liberta' religiosa" in Cina.
  .
 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci