Focus

Plenum

QUANTO COSTA CAPIRE LE RIFORME

QUANTO COSTA CAPIRE LE RIFORME


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest



Pechino, 26 nov. - Il linguaggio del partito è oscuro? Formule come "Decisioni sulle maggiori questioni inerenti l'approfondimento complessivo delle riforme" lasciano perplessi? Nessun problema. In Cina sono già nati i primi corsi di formazione per capire il gergo del partito e spiegare i cambiamenti a cui il Paese andrà incontro nei prossimi anni. Università pubbliche e istituti privati si sono già attivati per rispondere ai quesiti di chi non ha capito, o almeno non fino in fondo, come verranno effettuati i cambiamenti a livello economico e sociale contenuti nel documento finale del terzo plenum.

 

L'istituzione dei corsi di interpretazione dello spirito del terzo plenum segue di pochi giorni la decisione del partito a livello centrale di formare una squadra di esperti per spiegare alle varie amministrazioni locali del Paese, il funzionamento delle nuove riforme, e non lasciare ignari i funzionari locali. Partito ufficialmente il 23 novembre scorso, il team di alti funzionari incaricato di spiegare ai quadri di medio e basso livello le riforme cinesi è già "in tour" per il Paese con la benedizione dell'ufficio per la Propaganda del PCC.

 

I corsi gestiti da università, think-tank e centri studi privati, sono, invece, aperti a tutti. Tra gli istituti che per primi hanno dato il via alle nuove classi di spiegazione delle riforme c'è l'Università di Pechino, uno dei più prestigiosi atenei della capitale, dove si è laureato -in legge, nel 1982- anche lo stesso primo ministro Li Keqiang. I prezzi non sono proprio alla portata dell'uomo della strada: un giorno di lezioni presso la società di consulenza China Finance City, spiegava venerdì scorso l'agenzia Xinhua, costa 8800 yuan, circa 1070 euro. Più economica l'Università di Pechino, che per un ciclo di sei giorni di lezioni riscuote 3200 yuan (circa 390 euro) e rilascia anche un attestato di presenza, secondo quanto appreso dal New York Times. Ancora meglio la Jiao Tong University di Shanghai: solo 500 yuan a lezione, circa 60 euro.

 

Secondo quanto scriveva venerdì scorso lo Shanghai Morning Post, a insegnare a decifrare il documento delle riforme ci saranno ex alti funzionari, o membri dei passati governi che spiegheranno i provvedimenti presi nelle aree di loro specifica competenza o anche studiosi di lungo corso provenienti da quei think-tank o centri studi che svolgono una funzione di consulenza per i vertici della politica nazionale. I primi studenti saranno proprio i funzionari del partito o degli apparati governativi e i dirigenti delle aziende di Stato, ma i posti che avanzano saranno messi a disposizione di chiunque sia disposto a sborsare la somma richiesta per seguire i corsi. "Interpretare lo spirito del plenum" è dunque un investimento. Al centro dei nuovi corsi ci saranno soprattutto le riforme economiche, quelle più interessanti per imprenditori in cerca di nuove opportunità e manager dei gruppi statali che si dovranno adeguare ai nuovi standard cinesi.

26 novembre 2013

 

LEGGI ANCHE 

 

SPECIALE TERZO PLENUM

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci