NUOVA CIRCOLARE DEL PARTITO" /> agiChina - "DETTAGLI DEL CASO BO XILAI", <br />NUOVA CIRCOLARE DEL PARTITO

Focus

Politica

"DETTAGLI DEL CASO BO XILAI",
NUOVA CIRCOLARE DEL PARTITO

 DETTAGLI DEL CASO BO XILAI , <br />NUOVA CIRCOLARE DEL PARTITO


di Antonia Cimini

 

Pechino, 12 nov. - Mentre a Pechino il Partito era intento a disegnare la politica economica del prossimo quinquennio, nel resto della Cina la base comunista è tornata sui banchi di studio per digerire un nuovo documento sul caso Bo Xilai, l'alto funzionario cinese condannato per corruzione due mesi fa.
Secondo la stampa ufficiale cinese, il Partito centrale ha emanato nei giorni scorsi un comunicato su "dettagli del caso Bo Xilai, cinque motivi e sei insegnamenti" che da una settimana circola nei governi locali, cellule di partito e organizzazioni parastatali in tutto il Paese.


I motivi che hanno portato alla caduta del capo di partito di Chongqing sono, stando al documento, una visione troppo leggera del mondo che sottostima i successi del Partito comunista cinese, una volontà troppo indipendente che non tiene in considerazione gli interessi dei cittadini, una morale troppo bassa, una distorta visione del potere e una prevalenza di interessi privati.

 

Il caso Bo Xilai "è di interesse per tutto il paese, essendo egli il terzo membro del Comitato Permanete ad essere tratto in giustizia dai tempi di Deng Xiaoping, ed è di aiuto per lottare contro la corruzione, far rispettare la disciplina di partito e rafforzare la coesione interna del Partito" si legge nel documento pubblicato online sui siti di alcune amministrazioni locali e centrali, tra cui il ministero del commercio. Le roccaforti del potere dell'ex leader sono state le prime a chiedere uno studio approfondito del documento ai propri quadri. Il ministero del commercio ha organizzato sessioni di studio per tutti i suoi uffici locali; le città di Dalian e Chonqing hanno dato vita a riunioni straordinarie dei vari dipartimenti di governo per leggere e commentare il comunicato.


Tra le altre, le lezioni da trarre da caso Bo riguardano l'aumentare il rispetto per i successi del Partito comunista, l'osservanza della disciplina di Partito e l'unità ideologica con esso, l'osservanza del centralismo democratico, rinvigorire la lotta alla corruzione e la promozione di pratiche di buon governo.


Un'amministrazione locale del Sichuan ha chiamato a riunione non solo i funzionari in carica, ma anche i membri di partito in pensione per leggere assieme il documento e poi condurre una sessione di critica. Sul sito internet locale si legge che i funzionari devono avere chiaro come condurre con rigore una lotta totale alla corruzione, e fare del caso Bo Xilai uno strumento didattico. Un funzionario del Sichuan che ha condotto una di queste sessioni ha ricordato ai colleghi che “dobbiamo essere tutt'uno con la linea di partito, sotto la guida del segretario Xi Jinping”, secondo la stampa locale. Le stesse sessioni si sono ripetute già in molte zone, compresa la regione musulmana dello Xinjiang, la provincia del Jiangxi ed altre.


Solo qualche giorno fa l'ex leader che ormai sconta una condanna a vita per corruzione è tornato a far parlare di sé attraverso una fitta rete di sostenitori che ne mantengono viva la linea politica. Un gruppo di seguaci di Bo ha fondato un partito politico ispirato dalla linea ideologica seguita dal capo di Chongqing, nominando Bo Xilai presidente a vita della nuova formazione politica.


Intanto quella che si è conclusa oggi è stata la prima riunione plenaria dei dirigenti del Partito comunista cinese nell'era post-Bo, dopo la definitiva condanna ed uscita di scena del personaggio politico più ingombrante dell'ultimo trentennio.

 

12 novembre 2013

 

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci