Dossier

Politica interna

CASO GELSOMINI: GOVERNO DIFENDE LA POLIZIA

<strong>CASO GELSOMINI: GOVERNO DIFENDE LA POLIZIA</strong>


Pechino, 1 mar. - Il governo cinese difende la polizia e rimanda al mittente le accuse dopo i maltrattamenti e i pestaggi di domenica scorsa ai danni di giornalisti stranieri a Wangfujing, la via dello shopping di Pechino indicata via web come punto di raduno delle misteriose "proteste dei gelsomini". "Speriamo che i giornalisti siano mossi dall'intento di riportare le notizie, invece che da quello di crearle o di generare incidenti, e che pertanto collaborino con le forze dell'ordine" ha dichiarato oggi pomeriggio la portavoce del ministero degli Esteri Jiang Yu durante una conferenza stampa. Nella giornata di ieri le ambasciate di Stati Uniti e Unione europea avevano rilasciato due comunicati nei quali si protestava per i fatti di domenica e si chiedeva al governo cinese di garantire l'incolumità dei reporter stranieri. "La polizia ha fornito un'adeguata protezione, e i giornalisti dovrebbero comprendere, cooperare e rispettare le leggi e i regolamenti cinesi".

 

Nel pomeriggio di domenica, a Wangfujing, le troupe di nove tv straniere sono state trattenute per diverse ore, e cinque di esse hanno subito il sequestro di videocamere e macchine fotografiche e la cancellazione del materiale registrato. Un reporter di Bloomberg è finito all'ospedale dopo le percosse di cinque uomini in borghese, altri due hanno subito maltrattamenti e diversi giornalisti sono stati spintonati. La tattica utilizzata sembra sempre la stessa: gruppi di uomini in borghese hanno individuato e circondato i reporter per poi condurli in strade laterali e privarli con la forza delle foto o delle riprese. Ai corrispondenti di Pechino è stato detto che sarà necessario sporgere richiesta con tre giorni di anticipo per riprendere immagini ed effettuare interviste in alcune zone della città, in quella che sembra a tutti gli effetti un'involuzione rispetto alle norme approvate ai tempi delle Olimpiadi di Pechino 2008, tuttora in vigore. Gli inviti a partecipare alle "proteste dei gelsomini", appuntamenti fissati in diverse città per manifestare contro il governo cinese, sono state diffuse per la prima volta circa due settimane fa da un gruppo di anonimi contestatori del Partito Comunista Cinese. Nonostante non si siano verificate vere e proprie manifestazioni, e sia stato impossibile stabilire quante delle centinaia di persone sul posto fossero semplici passanti e quante veri oppositori del regime, le forze dell'ordine hanno dislocato centinaia di uomini nei luoghi prefissati. I messaggi via web continuano, ed è stato diffuso un altro appello alla protesta per le 14 di domenica prossima.

 

di Antonio Talia

Articoli correlati:

SI ALLARGA LA PROTESTA DEI GELSOMINI

NERVI TESI PER LA "DOMENICA DEI GELSOMINI"

PROTESTE: BLOCCHI INTERNET E ARRESTI

GELSOMINI, IRA DEL PARTITO

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci